Turismo nel Salento: Leuca

Turismo nel Salento: Leuca

da "Lucos" per il bianco splendente del suo ridente paesaggio

c.a.p. 73030
pref. 0833
dist.: da Lecce km. 68
da Roma km. 676
da Milano km. 1097
da Bari km. 219
da Brindisi km. 107
da Taranto km. 141
da Gallipoli km. 48

Leuca comprende l'antico promontorio Japigio, che divide il mare Ionio da quello Adriatico. L'etimologia del suo nome, dal greco "Lucos", ossia bianco splendente, richiama appunto il caratteristico splendore del suo ridente paesaggio. Esposta a mezzogiorno, è racchiusa tra le ultime propaggini delle Serre Salentine, terminanti con le punte Ristola e Meliso. Il territorio di Leuca è stato ed è attualmente campo di ricerca per paleontologi, archeologi e storici. Diversi scavi, a partire da quelli fatti dal Botti nel 1871, hanno evidenziato insediamenti della cultura di Serra e di Diana, villaggi e reperti dell'età del bronzo e del musteriano. Tra i punti di riferimento che la storia ha lasciato, possiamo identificare: il santuario pagano messapico-greco-latino della grotta Porcinara, situato in prossimità della Punta Ristola ad ovest, ed il santuario, prima pagano poi cristiano, sul promontorio di Punta Meliso; il primo presenta iscrizioni votive in greco e latino scritte dai naviganti che si fermavano o si rifugiavano nel porto di Leuca.
In questo santuario, a partire dall' VIII secolo a.c., si venerava il dio Giove, in seguito la dea Venere e la dea Fortuna. Più ricco di testimonianze storiografiche è il santuario sito sul promontorio di Punta Meliso. Dedicato nel periodo romano alla dea Minerva, a partire dai primi secoli del cristianesimo, in seguito alla predicazione di S. Pietro Apostolo, venne trasformato in tempio cristiano, divenendo punto di riferimento per le comunità cenobitiche insediate nel territorio, e poi sede vescovile fino al pontificato di Giovanni XXII. Verso la fine del '700, quando tornò in auge il santuario dedicato alla Madonna di Leuca, si verificò un lento e progressivo insediamento lungo il litorale compreso tra le due punte. A quella data si deve la costruzione di abitazioni e villette, dove la piccola e media borghesia salentina trascorreva le vacanze estive.
Queste costruzioni, realizzate con perizia estrosa e raffinata, costituiscono la struttura urbanistica intorno alla quale si è poi sviluppata la cittadina di Marina di Leuca, che, oltre al piccolo nucleo di abitanti del luogo, conta attualmente una popolazione turistica residente che supera, nel periodo di punta, i 10.000 abitanti. Le risorse economiche principali di Leuca sono state e rimangono comunque il turismo religioso e balneare e la pesca.

da Guida al Salento 1993 - Itinerari Editore

Schede correlate
Il Salento
provincia di Lecce
Itinerari nel Salento
provincia di Lecce
Itinerari nel Salento: Porto Cesareo
Porto Cesareo (LE)
Nardò fiorente città messapica
Nardo' (LE)
S. Maria al Bagno e S. Caterina
Nardo' (LE)
Gallipoli: informazioni turistiche
Gallipoli (LE)
Chiese a Gallipoli
Gallipoli (LE)
Ugento antica città messapica
Ugento (LE)
Taviano
Taviano (LE)
Visita a Racale
Racale (LE)
Presicce e Lido Marini
Presicce (LE)
Luoghi del Salento: Salve
Salve (LE)
Torre Vado ieri e oggi
provincia di Lecce
Terra di Salento: Tricase
Tricase (LE)
Castro e la Marina
Castro (LE)
Santa Cesarea Terme
Santa Cesarea Terme (LE)
Il borgo storico di Otranto
Otranto (LE)
Parco Naturale Regionale di Gallipoli Cognato e delle Dolomiti Lucane
provincia di

Comune di Castrignano Del Capo


taranto lecce brindisi bari foggia
Sardegna Sicilia Calabria Basilicata Campania Puglia Molise Abruzzo Lazio Umbria Marche Toscana Emilia Romagna Liguria Friuli Venezia Giulia Veneto Trentino Alto Adige Lombardia Piemonte Valle d'Aosta

categorie schede turistiche
a Castrignano Del Capo


Attrazioni


esecuzione in 0,140 sec.

Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalitÓ illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di pi¨ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti allĺuso dei cookie.
Maggiori informazioniOK