Tradizioni parmigiane: Una Vigilia di Natale ricca di tradizione

Tradizioni parmigiane: Una Vigilia di Natale ricca di tradizione

usi e costumi di queste parti

La sapienza antica, per conservare i benefici influssi del Natale, non priva però di superstizione, suggerisce di attenersi ad alcune norme, vale a dire:
subito dopo l’Epifania, si devono togliere tutti gli addobbi natalizi della casa non essendo di buon auspicio tenerli esposti più a lungo;
conviene conservare per tutto l’anno fino al prossimo Natale, un rametto di agrifoglio ritenuto un portafortuna;
i bambini erano soliti (più in passato che al presente) collocare sotto il piatto del papà la sera della Vigilia, letterine di Natale.
La cucina diventava un piccolo laboratorio familiare, dove operavano le rezdore indaffarate a preparare il tutto secondo la tradizione. Si prendeva per tempo una buona gallina, con le zampe dorate, la cresta vermiglia e la pelle d’un giallo intenso, tale da ottenere un brodo, che “tagliato” con un pezzetto di manzo, facesse onore nella più grande festività dell’anno.
I più raffinati, cercavano il cappone per il brodo e la tacchina da fare arrosto, dopo averli fatti frollare sia l’uno che l’altra, appesi al catenaccio d’una finestra.
Così la rezdora riempiva il pomeriggio della vigilia per mettere a punto le varie cose: sul tovagliere impastava a forza di braccia, con un ritmo costante, la sfoglia per le tagliatelle e, subito dopo, metteva mano alla pasta frolla per il tradizionale “busilan” (ciambella) mentre sulla stufa lo stracotto, borbottando, andava profumando gradevolmente tutta la casa.

Dopo aver consumato la cena della Vigilia “di magro”, senza mangiar carne, i resti del pane venivano conservati e usati in vari modi:
due micche di pane venivano conservate per darne una a tutti gli animali il primo dell’anno, e l’altra il Natale seguente;
resti del pane venivano usati per il ripieno dei cappelletti del primo dell’anno;
le briciole di pane quando non servivano agli ammalati venivano portate ai limiti delle frane per arrestarne il movimento;
altre briciole venivano lasciare sulla tavola per gli angeli.
Dopo la cena della Vigilia nessuno poteva uscire di casa se non a mezzanotte per recarsi a Messa.
Il tempo, quindi, veniva occupato in qualche partita a carte o a tombola, a “cioch” o a “pinacola”, vi partecipavano anche le donne che, quella sera, non dovevano “rigovernare” la casa.
Eccezionalmente, in collina, le giovani si riunivano in canonica nell’attesa della Messa, giovando a tombola per contendersi una manciata di “bombon” (caramelle).
In alcune zone appenniniche, tornando dalla chiesa, si brindava con un ponche al rum.

da www.turismo.parma.it

Schede correlate
Tradizioni parmigiane: Il pranzo di Natale
provincia di Parma
Tradizioni parmigiane: A Natale c’è un dolce sovrano
provincia di Parma
Tradizioni parmigiane: Santa Lucia
provincia di Parma
Tradizioni parmigiane: I giorni della Merla
provincia di Parma
Tradizioni parmigiane: Sant’Ilario
provincia di Parma
Tradizioni parmigiane: Giostra dei nasi
Soragna (PR)
Tradizioni parmigiane: San Biagio
provincia di Parma
Tradizioni parmigiane: La notte dei falò
provincia di Parma
Tradizioni parmigiane: Fiera di San Giuseppe
provincia di Parma
Tradizioni parmigiane: Il pesce d’Aprile
provincia di Parma
Tradizioni parmigiane: Gli “Smaggi”
Soragna (PR)
Tradizioni parmigiane: I maggianti
provincia di Parma
Tradizioni parmigiane: La rugiada di San Giovanni
provincia di Parma
Tradizioni parmigiane: La fiera agricola del Cornazzano
Parma (PR)
Tradizioni parmigiane: Feste contadine d'agosto
provincia di Parma
Tradizioni parmigiane: Le lacrime di San Lorenzo
provincia di Parma
Tradizioni parmigiane: La sagra della Croce
provincia di Parma
Tradizioni parmigiane: San Matteo sul Monte Caio
provincia di Parma
Tradizioni parmigiane: La Madonna del Rosario
provincia di Parma
Tradizioni parmigiane: Festa di San Crispino
provincia di Parma
Tradizioni parmigiane: La notte di Ognissanti
provincia di Parma
Tradizioni parmigiane: Il Tartufo in Festa
provincia di Parma
Tradizioni parmigiane: San Martino
provincia di Parma

rimini forli ravenna ferrara bologna modena reggio emilia parma piacenza
Sardegna Sicilia Calabria Basilicata Campania Puglia Molise Abruzzo Lazio Umbria Marche Toscana Emilia Romagna Liguria Friuli Venezia Giulia Veneto Trentino Alto Adige Lombardia Piemonte Valle d'Aosta



esecuzione in 0,156 sec.

Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK