Tradizioni parmigiane: I giorni della Merla

Tradizioni parmigiane: I giorni della Merla

i più freddi dell'anno ...si dice

"Vuole una leggenda che un tempo i merli fossero bianchi, vestiti di piume candide come la neve; ma un brutto giorno tre di loro caddero in disgrazia di un terribile vecchiaccio chiamato Gennaio .
…Era quello un inverno con tanta neve e con lunghe giornate melanconiche ed uggiose. Stanchi di questo una famiglia composta da tre merli uscì dal pagliaio, dove stavano svernando, per tornare nel bosco, sfidando la stagione.
Si dimenticarono però che la primavera era ancora lontana e trovarono il bosco muto ed inospitale coperto completamente di neve.
Sembrava che tutto fosse congiurato contro di loro. I poveri uccelli con molta fatica riuscirono a costruirsi un nido per avere un semplice riparo.
In quel momento passò di lì un vecchietto ricurvo su se stesso, freddoloso e triste, diretto verso i limiti del bosco: era Gennaio.
I tre merli cominciarono ad insultarlo e a mandarlo via.
Il vecchietto, ormai alla fine del suo cammino non fece caso a quelle ingiurie ma, ferito nell’intimo, volle dare una bella lezione a quegli sprovveduti.
La mattina dopo, era il giorno 29 , si alzò di nuovo in una giornata ancora più malinconica con un freddo ancora più pungente così il giovane merlo decise di lasciare il nido e andarsi a rifugiare nel tepore del camino di una casa vicina; passò un altro giorno, il freddo divenne insopportabile e così anche la mamma decise di raggiungere il giovane merlo nel camino.
Gennaio prima di finire il suo percorso chiese in prestito un giorno da Febbraio per poter compiere la sua vendetta. La neve riprese a scendere, il freddo fece esplodere le piante e il papà, infreddolito, sconfitto ed allo stremo delle forze, raggiunse moglie e figlio nel camino.
I tre compagni di sventura, attesero pazientemente l’arrivo del bel tempo prima di lasciare il rifugio ma quando uscirono, con grande sorpresa e disgusto, si accorsero che le loro penne, prima bianche e candide, erano diventate nere e che il loro becco rosso si era ingiallito per il calore!
Portarono con sé il segno di tale disavventura trasmettendo la tragica eredità ai loro discendenti."

da www.turismo.parma.it

Schede correlate
Tradizioni parmigiane: Il pranzo di Natale
provincia di Parma
Tradizioni parmigiane: A Natale c’è un dolce sovrano
provincia di Parma
Tradizioni parmigiane: Una Vigilia di Natale ricca di tradizione
provincia di Parma
Tradizioni parmigiane: Santa Lucia
provincia di Parma
Tradizioni parmigiane: Sant’Ilario
provincia di Parma
Tradizioni parmigiane: Giostra dei nasi
Soragna (PR)
Tradizioni parmigiane: San Biagio
provincia di Parma
Tradizioni parmigiane: La notte dei falò
provincia di Parma
Tradizioni parmigiane: Fiera di San Giuseppe
provincia di Parma
Tradizioni parmigiane: Il pesce d’Aprile
provincia di Parma
Tradizioni parmigiane: Gli “Smaggi”
Soragna (PR)
Tradizioni parmigiane: I maggianti
provincia di Parma
Tradizioni parmigiane: La rugiada di San Giovanni
provincia di Parma
Tradizioni parmigiane: La fiera agricola del Cornazzano
Parma (PR)
Tradizioni parmigiane: Feste contadine d'agosto
provincia di Parma
Tradizioni parmigiane: Le lacrime di San Lorenzo
provincia di Parma
Tradizioni parmigiane: La sagra della Croce
provincia di Parma
Tradizioni parmigiane: San Matteo sul Monte Caio
provincia di Parma
Tradizioni parmigiane: La Madonna del Rosario
provincia di Parma
Tradizioni parmigiane: Festa di San Crispino
provincia di Parma
Tradizioni parmigiane: La notte di Ognissanti
provincia di Parma
Tradizioni parmigiane: Il Tartufo in Festa
provincia di Parma
Tradizioni parmigiane: San Martino
provincia di Parma

rimini forli ravenna ferrara bologna modena reggio emilia parma piacenza
Sardegna Sicilia Calabria Basilicata Campania Puglia Molise Abruzzo Lazio Umbria Marche Toscana Emilia Romagna Liguria Friuli Venezia Giulia Veneto Trentino Alto Adige Lombardia Piemonte Valle d'Aosta



esecuzione in 0,389 sec.

Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK