Terranova da Sibari

Terranova da Sibari

località balneare sul mar Tirreno, con il porto commerciale tra i più importanti del Mediterraneo

Comune di 5.219 abitanti della provincia di Cosenza, situato a 313 mt. di altitudine, tra il fiume Crati e le estreme propaggini della Sila greca.
Prima denominata "Terranova del Vallo" e poi "Terranova di Calabria Citra" prese l'attuale nome dopo l'Unità d'Italia. Pare sia stata fondata dai superstiti di Turio, distrutta dai Crotoniati.
Già conosciuta con il nome di Terranova del Vallo e poi di Terranova di Calabria Citra, affonda le sue radici nella civiltà Magno-Greca. Fondata dai superstiti di Turio, sarebbe stata distrutta in seguito dai Crotoniati. L'attuale nome assunto dopo l'unità d'Italia viene fatto derivare da quello di due antiche città, Thurium e Sibaris, da cui Thurium Novum a Sibari (Terranova da Sibari).
Sede arcivescovile, Terranova da Sibari fu visitata da due futuri papi, S. Telesforo (originario della Grecia e papa dal 125 al 136) e S. Dionisio (che nacque a Turio, in Magna Grecia, e fu pontefice dal 259 al 268).

Terranova da Sibari ha un patrimonio storico-artistico ed archeologico di tutto rispetto e deve, in effetti, la sua notorietà al castello feudale, del quale rimangono solo i resti, ma che contribuisce a conferisce una particolare importanza al centro storico, ricco di sei chiese storiche.
La piazza principale è già un buon biglietto da visita, così contornata da edifici di architettura seicentesca.
La chiesa del convento di S. Antonio conserva, nella cappella del santo un altare marmoreo seicentesco, con pala barocca.
Nella Chiesa di S. Nicola, di origini medievali e con una facciata decorata, ha un busto, in pietra, di S. Nicola e rosoni di tipo cinquecentesco.
La chiesa di S. Francesco di Paola conserva una tela del XVI sec. e una del 1722, nonchè un pregevole ciboreo ligneo del '600 a pianta ottagonale.

Terranova da Sibari è teatro di una fiera che si svolge nella seconda domenica di maggio, mentre S. Antonio da Padova, il Santo Patrono, ricorre il 13 giugno.
Famosa è la sagra dei piatti tipici, dove vengono esaltati i sapori della tradizione gastronomica. Ottimo è l'olio come anche il pane nero e il pane azzimo (o pane delle streghe) fatto con una elaborata miscela composta da farina, impasto di ceci ridotti in poltiglia e aromatizzato con noce moscata ed altre spezie.

Schede correlate
Storia della Calabria
provincia di
Turismo e curiosità della Calabria
provincia di
Calabria: il territorio
provincia di
Visita a Vibo Marina
Vibo Valentia (VV)
Escursioni sull’Aspromonte
provincia di Reggio Calabria
Teatro Cilea di Reggio Calabria
Reggio Di Calabria (RC)
Carnevale del Pollino
Castrovillari (CS)
Calabria turismo: Bova Marina
Bova Marina (RC)
Centri della Calabria: Paola
Paola (CS)
Castello Normanno-Aragonese
Paola (CS)
La montagna potentina
provincia di Potenza
Luoghi della Calabria: Cannoni
Paola (CS)
Rende tra Palazzi e Musei
Rende (CS)
Calabria turistica: Amantea
Amantea (CS)
Isola di Capo Rizzuto
Isola Di Capo Rizzuto (KR)
Storia di Reggio Calabria
provincia di Reggio Calabria
Monumenti a Reggio Calabria
Reggio Di Calabria (RC)
Turismo nella Locride: Siderno
Siderno (RC)
Itinerari della Calabria: Gerace
Gerace (RC)
L'Aspromonte
provincia di Reggio Calabria
La Sila
provincia di
Turismo in Calabria: Gioia Tauro
Gioia Tauro (RC)
Montesano sulla Marcellana
Montesano Sulla Marcellana (SA)

Cerchi case?
Piu di 4.500.000 immobili!

GoHome.it immobili!

Comune di Gioia Tauro


vibo valentia reggio calabria catanzaro crotone cosenza
Sardegna Sicilia Calabria Basilicata Campania Puglia Molise Abruzzo Lazio Umbria Marche Toscana Emilia Romagna Liguria Friuli Venezia Giulia Veneto Trentino Alto Adige Lombardia Piemonte Valle d'Aosta

categorie schede turistiche
a Gioia Tauro


Attrazioni


esecuzione in 0,140 sec.

Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK