Storia di Statte

Storia di Statte

cosa visitare

Il 1° maggio 1993 è nato il comune autonomo di Statte, il più giovane dell'intera provincia. Sino ad allora era stato una grande borgata di Taranto, da cui dista solo 9 km. Sin qui, la storia recente che affonda, però, le sue radici in tempi molto remoti. Alla prima metà del secondo millennio del Neolitico risalgono, infatti, i Dolmen di Accettulla e di Leucaspide, su un territorio interessato da quei fenomeni di erosione tipici del banco calcareo di cui è fatta la regione e che hanno reso celebre la Murgia tarantina per la sua civiltà rupestre.
Aspra è la bellezza della gravina di Statte, tortuosa e ricca di pinete d'Aleppo e di una florida vegetazione spontanea, fatta di numerose cavità e grotte naturali, fra le quali la più importante è quella di Monte Sant'Angelo, in cui gli strati archeologici, insieme ai reperti ritrovati, fra cui un'ascia di bronzo, hanno evidenziato la presenza dell'uomo paleolitico. La gravina di Triglie, grazie alla ricchezza delle sue acque ha sempre avuto grande importanza, esse, infatti, furono razzionalizzate in epoca romana con la costruzione di un grandioso Acquedotto, che attraverso numerose gallerie scavate nel sottosuolo convogliava l'acqua fino a Taranto. Di notevole e suggestiva bellezza sono le cripte rupestri, testimonianze dei monaci di S. Basilio (XI-XII secolo), di San Giuliano o San Cipriano a Triglie e di Sant'Onofrio a Todisco, in cui si possono ammirare affreschi di grande interesse.
Sempre nelle gravine innumerevoli sono le caverne ed inghiottitoi ricchi di fossili e popolate da singolari forme di vita animale in perfetta sintonia con il buio. La Grotta di Leucaspide misura ben 356 metri in lunghezza ed ha in serbo, per i suoi visitatori, concrezioni mirabilmente sagomate dalle acque. Tra le sue stalagmiti, stalattiti ed altre curiose sculture si aggirano, oltre agli immancabili pipistrelli, crostacei bianchi e rari coleotteri della specie Italodytes stammeri, privi di occhi e di colore rossiccio, considerati dagli entomologi veri e propri fossili viventi.
Le masserie disseminate sull'intero territorio costituiscono un capitolo molto importante della storia culturale ed economica di Statte; ad ovest la più significativa è Accetta Grande, ove è ben conservato un frantoio in legno del 1700. Ad est si possono ammirare due masserie fortificate con garitte e torri di avvistamento, Todisco a ridosso di un dirupo e Spagnolo, che ospita un’elegante struttura ricettiva.

da www.provincia.taranto.it

Schede correlate
L'archeologia e le torri costiere
provincia di Taranto
Casa-grotta, Casa dell'Igumeno, Cattedrale, Necropoli
Mottola (TA)

Cerchi case?
Piu di 4.500.000 immobili!

GoHome.it immobili!

Comune di Statte


taranto lecce brindisi bari foggia
Sardegna Sicilia Calabria Basilicata Campania Puglia Molise Abruzzo Lazio Umbria Marche Toscana Emilia Romagna Liguria Friuli Venezia Giulia Veneto Trentino Alto Adige Lombardia Piemonte Valle d'Aosta

categorie schede turistiche
a Statte


Attrazioni


esecuzione in 0,078 sec.

Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK