Storia di San Marzano

Storia di San Marzano

e cosa visitare

San Marzano fu posseduta quasi sempre, fino ai primi dell'Ottocento, da discendenti albanesi della famiglia di Scanderberg, di cui ha così potuto conservare immutate sino ai nostri giorni le tradizioni linguistiche e culturali. San Marzano è oggi un piccolo centro agricolo che occupa una collina a 134 metri sul livello del mare. Vi si producono vino, olio e frumento anche grazie al rinnovamento che gli stessi albanesi avviarono qualche secolo fa, trasformando il sottobosco originario in vigneti ed oliveti. A 3 km dal centro abitato è il Santuario della Madonna delle Grazie che conserva un' Incoronazione della Vergine della fine del '600, gli affreschi di San Giorgio e Santa Barbara del XIII secolo ed un dipinto della Vergine con il Bambino dell'XI secolo.
Elegante è anche il bel Palazzo marchesale, risalente al XVI secolo. Legata alle tradizioni è la spettacolare Processione della legna che, ogni anno si celebra in onore del Santo patrono Giuseppe, protettore dei falegnami. E' una festa popolare che, quasi in coincidenza con l'equinozio di primavera, fa rivivere, in onore del Santo, l'antico culto del fuoco.
L'usanza di bruciare falò devozionali sopravvive nel Tarantino, ma a San Marzano è particolarmente viva. Qui i devoti in processione, ogni anno il 18 marzo, con la legna sulle spalle, sfilano dinanzi alla chiesa del paese sul cui sagrato è esposta, per l'occasione, la statua del Santo. Ai bambini spetta il compito di riproporre due rituali che discendono da antiche religioni: quello del dono, la questua della legna, e quello di purificazione. ovvero il salto sul fuoco a piè pari. Dopo la benedizione, la legna viene portata dai devoti fuori dal paese e accatastata. L'ultimo carico di fascine, quasi per salutare anche il risveglio della natura, è trasportato da un cavallo che viene fatto inginocchiare davanti alla statua del Santo. Mentre intonano le lodi del Santo ed antichi canti tradizionali - le cosiddette valizie - i devoti, infine, danno fuoco alla pira.
Elemento caratteristico della festa sono anche le mattre del 19 marzo, tavolate imbandite per devozione o per grazia ricevuta, nelle case e nella piazza principale del paese, dove, in seguito alla benedizione del parroco, tutti i presenti sono invitati ad assaggiarne i piatti tipici.

Da visitare:
- Santuario della Madonna delle Grazie
- Palazzo Marchesale
- Riti in onore di San Giuseppe (19 marzo)

da www.provincia.taranto.it

Schede correlate
Storia della provincia di Taranto
provincia di Taranto
Museo Archeologico Nazionale di Taranto
Taranto (TA)
L'archeologia e le torri costiere
provincia di Taranto
Casa-grotta, Casa dell'Igumeno, Cattedrale, Necropoli
Mottola (TA)
San Marzano sul Sarno
San Marzano Sul Sarno (SA)
Pomodoro San Marzano
Sant'Egidio Del Monte Albino (SA)

Comune di San Marzano Di San Giuseppe


taranto lecce brindisi bari foggia
Sardegna Sicilia Calabria Basilicata Campania Puglia Molise Abruzzo Lazio Umbria Marche Toscana Emilia Romagna Liguria Friuli Venezia Giulia Veneto Trentino Alto Adige Lombardia Piemonte Valle d'Aosta

categorie schede turistiche
a San Marzano Di San Giuseppe


Attrazioni


esecuzione in 0,125 sec.

Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK