Storia di Aulla

Storia di Aulla

al centro della Lunigiana

Il comune è il risultato dell’unificazione di tre entità ben distinte: Aulla con la sua abbazia, Olivola e Pallerone feudo dei Malaspina, Albiano e Caprigliola, già castelli del vescovo-conte di Luni, che costituiranno in seguito una podesteria del granducato di Toscana. La storia di Aulla può datarsi dalla nascita dell’abbazia di San Caprasio, uno dei centri monastici più importanti della Lunigiana medioevale, fondato nell’ 884. Gran parte delle vicende storiche di Aulla nel medioevo sono caratterizzate dalle lotte tra gli abati ed i vescovi conti di Luni. Per sedare queste rivalità più volte intervengono i romani pontefici, finché Onorio III nel 1217 sottoporrà l’abbazia di Aulla all’episcopato lunense, che si era già saldamente attestato ad Albiano e Caprigliola. Con l’età della riforma cattolica i cospicui beni dell’abbazia di Aulla sono acquistati dalla nobile famiglia genovese dei Centurione, che esercitano il diritto di giuspatronato anche sulla chiesa abbaziale con la facoltà di nominare il vice abate, e gli altri sacerdoti che dovranno prendersi cura della popolazione locale, mentre il feudo viene venduto dai Malaspina agli stessi Centurione a cui si deve il completamento della fortezza della Brunella che sovrasta dal colle roccioso l’abitato di Aulla. La Via Francigena che passa per Aulla non sembra portare grandi benefici alla popolazione locale che vive soprattutto di agricoltura. L’Aulla del Cinquecento è pertanto un borgo rurale animato per la posizione geografica che occupa e per una certa influenza della dominazione genovese, da iniziative commerciali ed artigiani notevoli. Ad Aulla non vi sono le condizioni perché si formi quel ceto nobiliare di origine cavalleresca, che aveva fatto fortuna al servizio delle principali corti italiane ed europee, nobili che, tornati in patria, investono i loro guadagni in opere di prestigio e in imponenti palazzi che caratterizzano ancor oggi i centri storici di Pontremoli, Fivizzano e Sarzana.

Schede correlate
Lunigiana: tra Toscana e Liguria
Massa (MS)
Museo del Territorio dell’Alta Valle Aulella
Casola In Lunigiana (MS)
Museo delle Statue Stele
Pontremoli (MS)
Museo Etnografico di Villafranca Lunigiana
Villafranca In Lunigiana (MS)
Arrivare in Lunigiana
provincia di Massa Carrara
Massa Carrara: informazioni
Massa (MS)
Provincia di Massa Carrara: informazioni utili
provincia di Massa Carrara
La Lunigiana
provincia di Massa Carrara
La Lunigiana: santuario Madonna del Monte
Mulazzo (MS)
Museo di Storia Naturale
provincia di Massa Carrara
La Fortezza di Brunella ad Aulla
Aulla (MS)
Itinerari in Lunigiana: Fosdinovo
Fosdinovo (MS)
Villafranca in Lunigiana
Villafranca In Lunigiana (MS)
Il castello di Malgrate a Villafranca
Villafranca In Lunigiana (MS)
Museo Etnologico delle Apuane
Massa (MS)
Sarzana
Sarzana (SP)
Lasagne bastarde della Lunigiana
provincia di Massa Carrara
Caciotta della Lunigiana
provincia di Massa Carrara
Pecorino della Lunigiana
provincia di Massa Carrara
Focaccette di Aulla
provincia di Massa Carrara
Testarolo della Lunigiana
provincia di Massa Carrara
Torta d’erbe della Lunigiana
provincia di Massa Carrara
Spongata della Lunigiana
provincia di Massa Carrara

Cerchi case?
Piu di 4.500.000 immobili!

GoHome.it immobili!

castello-di-Aulla
castello-di-Aulla
aaaAulla-scorcio-del-fiume
aaaAulla-scorcio-del-fiume

Comune di Aulla


pisa livorno grosseto siena arezzo firenze prato pistoia lucca massa
Sardegna Sicilia Calabria Basilicata Campania Puglia Molise Abruzzo Lazio Umbria Marche Toscana Emilia Romagna Liguria Friuli Venezia Giulia Veneto Trentino Alto Adige Lombardia Piemonte Valle d'Aosta

categorie schede turistiche
a Aulla


Arte e cultura
Attrazioni


esecuzione in 0,140 sec.

Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK