Storia della Calabria

Storia della Calabria

anticamente colonizzata dai Greci

Le coste orientali della Calabria furono anticamente colonizzata dai Greci. Tra il VI ed il V secolo A.C. fiorivano su tutta la costa numerose ed importanti città della magna grecia tra cui le odierne Sibari, Crotone e Locri. Dopo la conquista da parte dei Romani, nel III secolo a.C., i territori bruzi non furono in grado di ritrovare la prosperità di un tempo. Dopo la caduta dell'Impero romano infatti, la Calabria fu devastata durante le guerre gotiche prima, e subì la dominazione bizantina dopo. Gli abitanti erano sospinti verso l'interno della regione sia dalle pestilenze che, nel primo medio evo, dalle incursioni piratesche che minacciavano gli insediamenti costieri. Numerose sono infatti le fortificazioni collinari e montuose nell'entroterra calabrese, costituito di villaggi arroccati in posizione sufficientemente arretrata e inaccessibile da poter avvistare per tempo le navi nemiche e sbarrare prontamente le vie d'accesso al villaggio.
Nel IX e X secolo la Calabria, che era stato il più ricco territorio di Roma prima della conquista dell'Egitto, fu terra di confine tra Bizantini e gli Arabi insediatisi in Sicilia, soggetta a razzie e schermaglie, spopolata e demoralizzata, con i soli monasteri Greci che provvedevano alla cultura. Nel 1060, i Normanni, sotto la guida di Ruggero I di Sicilia, fratello di Roberto il Guiscardo, si stabilirono lungo questo confine, e organizzarono un governo che fu messo in atto dai locali magnati Greci. Nel 1098, Papa Urbano II investì Ruggero del ruolo di nunzio apostolico e la dinastia degli Altavilla divenne precursore del Regno di Napoli che dominò la Calabria fino all'unità d'Italia. Lo stesso regno di Napoli subì diverse dominazioni: entrambe le dinastie degli Asburgo, di Spagna e d'Austria; La dinastia francese dei Borboni, e, per un breve periodo, il generale di Napoleone Gioacchino Murat, che fu giustiziato nella cittadina di Pizzo.
L'Aspromonte, regione montana nel sud della Calabria, fu scenario di una famosa battaglia del Risorgimento, in cui Giuseppe Garibaldi rimase ferito. È tutt'ora possibile ammirare l'albero cavo in cui Garibaldi si sedette per essere curato, nei pressi della località sciistica di Gambarie.

Numerosi importanti filosofi del Risorgimento (Bernardino Telesio da Cosenza, Gioacchino Fiore da San Giovanni in Fiore, Tommaso Campanella da Stilo) erano di origini calabresi.

Schede correlate
Turismo e curiosità della Calabria
provincia di
Calabria: il territorio
provincia di
Visita a Vibo Marina
Vibo Valentia (VV)
Escursioni sull’Aspromonte
provincia di Reggio Calabria
Teatro Cilea di Reggio Calabria
Reggio Di Calabria (RC)
Carnevale del Pollino
Castrovillari (CS)
Calabria turismo: Bova Marina
Bova Marina (RC)
Castello Normanno-Aragonese
Paola (CS)
La montagna potentina
provincia di Potenza
Luoghi della Calabria: Cannoni
Paola (CS)
Isola di Capo Rizzuto
Isola Di Capo Rizzuto (KR)
Calabria archeologica: Capo Colonna
Isola Di Capo Rizzuto (KR)
Itinerari nel crotonese: Cirò
Ciro' (KR)
Storia di Reggio Calabria
provincia di Reggio Calabria
Monumenti a Reggio Calabria
Reggio Di Calabria (RC)
Itinerari della Calabria: Gerace
Gerace (RC)
L'Aspromonte
provincia di Reggio Calabria
La Sila
provincia di
Turismo in Calabria: Gioia Tauro
Gioia Tauro (RC)
Terranova da Sibari
Gioia Tauro (RC)
Centri della Calabria: Crotone
provincia di Crotone
Personaggi storici di Crotone
provincia di Crotone
Montesano sulla Marcellana
Montesano Sulla Marcellana (SA)

Sardegna Sicilia Calabria Basilicata Campania Puglia Molise Abruzzo Lazio Umbria Marche Toscana Emilia Romagna Liguria Friuli Venezia Giulia Veneto Trentino Alto Adige Lombardia Piemonte Valle d'Aosta



esecuzione in 0,265 sec.

Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK