Sardegna: antiche tracce

Sardegna: antiche tracce

domus de janas, nuraghe, dolmen, menhir, tophet, chiese romaniche

Le prime significative tracce d'insediamento dell'isola risalgono al VII millennio a.C. con l'approdo di popoli provenienti dal Mediterraneo orientale che s'insediarono prima lungo le coste e poi all'interno occupandosi di agricoltura e pastorizia. Rappresentativi di quelle società, le antiche architetture delle domus de janas (case delle fate), grotticelle artificiali scavate nella roccia dove venivano deposti i morti. L'emblema più noto della Sardegna è il nuraghe, edificio realizzato da civiltà nuragiche appunto, insediatisi sull'isola dal 2500 a.C. circa fino a pochi decenni prima dell'era Cristiana. Circa 7.000 i nuraghi sparsi su tutta la regione, grandiose strutture in pietra a forma di torre troncoconica come inespugnabili castelli, ma certamente usati come templi per l'adorazione di divinità. Tra i nuraghe più visitati: Albucciu (Arzachena), Maiori (Tempio Pausania), Palmavera (Alghero), Losa e Villaggio di S. Cristina (Abbasanta), Santu Antine (Torralba), Su Nuraxi (Barùmini). Della stessa età sono anche le tipiche sepolture in tombe collettive chiamate Tombe dei Giganti, così appellate per le grandi dimensioni. Per arricchire le abitazioni e per offrirle in voto alle divinità, i nuragici producevano i bronzetti, piccole statuette in bronzo raffiguranti uomini, animali e altro facente parte della vita quotidiana. Legati al culto dell'acqua, i pozzi sacri, interessanti sotto il profilo architettonico. Appartengono all'età prenuragica i circa cento dolmen presenti in tutta la Sardegna, costruzioni megalitiche in cui i due elementi verticali disposti di taglio nel terreno ne sostengono un terzo orizzontale. Circa 260 sono i menhir, grandi pietre monolitiche infisse nel terreno con fini religiosi, in lingua sarda chiamati perdas fittas o longas. Caratteristici del culto religioso del popolo dei Fenici sono i tophet, ossia aree cimiteriali sul cui terreno sono sparse urne contenenti ceneri e ossa umane; circa 35 sono gli esemplari sull'isola. Giungendo a tempi più "moderni" è importante suggerire la visita ai numerosi esempi di chiese romaniche costruite tra il 1000 e il 1300. In provincia di Cagliari rappresentative sono S. Maria ad Uta e S. Saturno a Cagliari; nel Nuorese S. Nicola ad Ottana e S. Pietro a Bosa; nell'Oristanese, S. Giusta nell'omonima località, S. Maria a Bonarcado; nel Sassarese, S. Simplicio ad Olbia, S. Gavino a Porto Torres, SS. Trinità di Saccargia a Codrongianus, S. Antioco di Bisarcio ad Ozieri, S. Pietro di Sorres a Borutta.

Schede correlate
Lungo la costa sarda: Aglientu
Aglientu (OT)
Sardegna: un piccolo continente
provincia di
Turismo in Sardegna: una possibile lunga stagione
provincia di
Luoghi dell'interno Gallura: Monti
Monti (OT)
Tomba dei Giganti Li Mizzani
Palau (OT)
Itinerari archeologici e chiese campestri ad Arzachena
Arzachena (OT)
Itinerari a Budoni
Budoni (OT)
Archeologia nuragica in Gallura
provincia di Olbia - Tempio

nuraghe - particolare
nuraghe - particolare
tomba dei giganti - particolare
tomba dei giganti - particolare
particolare di sito nuragico
particolare di sito nuragico

Sardegna Sicilia Calabria Basilicata Campania Puglia Molise Abruzzo Lazio Umbria Marche Toscana Emilia Romagna Liguria Friuli Venezia Giulia Veneto Trentino Alto Adige Lombardia Piemonte Valle d'Aosta



esecuzione in 0,109 sec.

Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK