Roma: Cisterna delle Sette Sale

Roma: Cisterna delle Sette Sale

visita al Colle Oppio

Avendo le terme di Traiano la necessità di un notevole quantitativo d'acqua vista l'imponenza della struttura, venne costruita una grande cisterna nota fin dal Medioevo con il nome di Sette Sale. Conservata quasi perfettamente e situata ai margini del Parco del Colle Oppio, è formata da nove ambienti paralleli, con una larghezza costante di m 5,3 metri, ma con una lunghezza che va da un minimo di 29,3 metri a un massimo di 39,75 metri, divisi da pareti in calcestruzzo con aperture in diagonale. La struttura, in opera cementizia rivestita con laterizi, è disposta su due livelli: quello inferiore, formato da nove ambienti a volta, serviva rialzare il serbatoio posto sopra, dando così la possibilità di mantenere la pressione vista la vicinanza alle Terme di Traiano. La cisterna era collegata con un ramo dell'acquedotto che entrava nella città da Porta Maggiore; il condotto che permetteva il suo ingresso nella cisterna era al centro della parete posteriore ricurva; nel terzo e nel settimo ambiente vi erano le aperture per effettuare controlli e pulizia. Nelle nicchie del piano superiore erano le finestre per l'areazione, mentre in quelle inferiori si trovavano i condotti per l'uscita dell'acqua. L'interno è rivestito di cocciopesto, inoltre era stato riempito, per un'altezza di quasi un metro, da un deposito di limo stratificato. Per molto tempo, si è supposto che la struttura fosse in relazione con la vicina Domus Aurea, ma è stato escluso grazie ai bolli presenti nelle murature che hanno dimostrato la contemporaneità della cisterna con le terme di Traiano. Sopra la platea delle Sette Sale, è stata rinvenuta una domus caratterizzata da almeno due fasi: il nucleo a occidente doveva essere probabilmente di età traianea, ed era costituito da due file di ambienti regolari in opera mista, e forse serviva ad alloggiare il personale addetto alla manutenzione della cisterna. Nel IV secolo tali strutture vennero inglobate in una residenza, le cui murature sono principalmente in opera listata e conservate per un'altezza di molto inferiore al metro. L'edificio è strutturato in vari ambienti tra i quali un'aula absidata, probabilmente con copertura a capriate lignee; inoltre era anche fornito di piccole terme private delle quali rimangono le tracce di un frigidarium e di un caldarium comprendenti una piccola cisterna per l'approvvigionamento idrico. Il prestigio della domus è reso evidente dalla ricchezza della decorazione in marmi policromi composti in opus sectile parietale e pavimentale, oltre che dalla vastità degli ambienti. La domus doveva avere un'estensione maggiore di quella conosciamo, ma le strutture a est e a ovest sono andate completamente distrutte.

Schede correlate
Conoscere Roma: La Valle del Colosseo
Roma (RM)
Itinerario per oratori a Trecasali
Trecasali (PR)
Chiesa di San Giuseppe ad Aielli
Aielli (AQ)
Conoscere Roma: Colle Oppio
Roma (RM)
Roma: complesso della chiesa di San Martino ai Monti
Roma (RM)
Terme di Traiano
Roma (RM)
Chiesa di S. Clemente
Roma (RM)
Conoscere Roma: Terme di Tito
Roma (RM)
Ninfeo di Via degli Annibaldi
Roma (RM)
chiesa di San Pietro in Vincoli
Roma (RM)
Conoscere Roma: Insula della Chiesa della Madonna dei Monti
Roma (RM)
Conoscere Roma: chiesa San Lorenzo in Fonte
Roma (RM)
Conoscere Roma: Colle Esquilino
Roma (RM)

Cerchi case?
Piu di 4.500.000 immobili!

GoHome.it immobili!

Cisterna delle Sette Sale al Colle Oppio
Cisterna delle Sette Sale al Colle Oppio

Comune di Roma


latina frosinone roma rieti viterbo
Sardegna Sicilia Calabria Basilicata Campania Puglia Molise Abruzzo Lazio Umbria Marche Toscana Emilia Romagna Liguria Friuli Venezia Giulia Veneto Trentino Alto Adige Lombardia Piemonte Valle d'Aosta



esecuzione in 0,109 sec.

Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK