Piccola bella Tropea

Piccola bella Tropea

duomo, castello Aragonese, chiesa degli Ottimati, museo nazionale ed altro

Tropea è un comune di 6.843 abitanti della provincia di Vibo Valentia, tra i più piccoli Comuni d'Italia per superficie territoriale. La città di Tropea sorge sopra uno sperone, detto "la rupe" di natura calcarea. Sede vescovile già nel VI secolo, la trinavata cattedrale normanna è una delle poche chiese di quel periodo esistenti in Calabria. Le origini di Tropea non sono note, ma si può dire con certezza che il massimo sviluppo è dovuto, in parte, ai Normanni e ancor più agli Aragonesi. Attivissimo centro marinaro, tenne rapporti commerciali con tutti i paesi del Mediterraneo disponendo di una sua flotta.
E' nota località balneare sul mar Tirreno, a sud-ovest di Vibo Valentia e a nord di Capo Vaticano, ha un monastero di Francescani di notevole importanza oltr alla citata cattedrale normanna del 1100. L'interno, riportato alle forme originali negli anni 1926-1930, è ricco di opere marmoree: i sepolcri della famiglia Galluppi e dei Cazetta del 1530, le statue della Madonna del Popolo (fra Giovannangelo Montorsoli, 1555) e della Madonna della libertà del primo quarto del '600, e la Natività del messinese Pietro Barbalonga dell'anno 1600. L'icona della Madonna della Romania, protrettrice della città e della diocesi, è collocata nell'abside dietro l'altare maggiore. In una cappella laterale è posto un Crocefisso nero, scultura lignea di probabile fattura quattrocentesca. Sotto il portico con archi a sesto acuto, a lato della cattedrale, sono collocate le statue marmoree dei santi Pietro e Paolo (se. XIII), della Madonna della Grazia (sec. XVI), dei santi Francesco d'Assisi e Chiara (sec. XVII).
La chiesa dei francescani conventuali, nota col titolo di San Demetrio per il trasferimento di quella parrocchia alla fine del '700, è ornata dagli artistici stucchi del nicoterese Santo Solano che li realizzò nel 1759 per il compenso di duecentoventi ducati della moneta allora circolante. La comunicante cappella di Santa Margherita avrebbe origini medioevali. La chiesa dell'Annunziata, appartenente al convento dei francescani osservanti, oltre al cinquecentesco gruppo marmoreo dell'Annunciazione sopra l'altare maggiore presenta il soffitto ligneo dipinto dal napoletano Andrea Gigante abitante in Monteleone nel 1641 per cento ducati. Ricca di opere marmoree e pittoriche, ed anche di stucchi, è la chiesa dei gesuiti passata successivamente ai liguorini che ancora l'officiano. Immersa nel verde di un folto aranceto è la chiesa della Michelizia, che si tramanda essere stata costruita per il voto di un ricco mercante di nome Michele Milizia scampato ad una tempesta che nella notte di un 5 agosto di fine '500 minacciava di travolgerlo nel mare di fronte Tropea.
Nell'interno si ammirano un settecentesco altare ligneo intagliato e due tele, una raffigurante Sant'Antonio di ignoto seicentesco e l'altra con la crocifissione dipinta nel 1719 dal pittore locale Giuseppe Grimaldi. Sopra uno scoglio circondato dal mare è costruita la chiesa-santuario di Santa Maria dell'Isola. La documentazione della dipendenza dal monastero benedettino di Montecassino, tuttora in vigore, risale all'anno 1066. La facciata è stata ricostruita in stile litotomico dopo il crollo provocato dal terremoto dell'8 settembre 1905. La chiesa è meta di pellegrinaggi in occasione delle solennità mariane del 15 agosto e dell'8 settembre. Sulle strette e tortuose strade del centro prospettano gli artistici portali dei palazzi nobiliari sei-settecenteschi, dietro i quali non di rado si intravedono caratteristici cortili.

Di notevole interesse il centro storico, con i palazzi nobiliari del '700 e del '800 arrocati sulla rupe a strapiombo con la spiaggia sottostante. Interessanti sono i "portali" dei palazzi che rappresentavano le famiglie nobiliari, alcuni sono dotate di grosse cisterne scavate nella roccia, che servivano per accumulare il grano proveniente dal Monte Poro, e successivamente veniva caricato tramite condotte di terracotta sulle navi che erano ormeggiate sotto la rupe di Tropea. Da visitare inoltre il museo privato degli antichi mestieri di Calabria e delle macchine automatiche.

I negozi di Tropea vendono tantissimi prodotti tipici e artigianali dei comuni limitrofi, tra cui la cipolla rossa, la nduja di Spilinga e il formaggio Pecorino del Poro.

Schede correlate
Cultura e mitologia a Vibo Valentia
provincia di Vibo Valentia
Storia di Vibo Valentia
provincia di Vibo Valentia
Visita a Vibo Marina
Vibo Valentia (VV)
Vibo Valentia: giovane e dinamica
provincia di Vibo Valentia
Calabria turistica: Amantea
Amantea (CS)
Turismo a Vibo Valentia: Ricadi
Ricadi (VV)

Cerchi case?
Piu di 4.500.000 immobili!

GoHome.it immobili!

Comune di Tropea


vibo valentia reggio calabria catanzaro crotone cosenza
Sardegna Sicilia Calabria Basilicata Campania Puglia Molise Abruzzo Lazio Umbria Marche Toscana Emilia Romagna Liguria Friuli Venezia Giulia Veneto Trentino Alto Adige Lombardia Piemonte Valle d'Aosta

categorie schede turistiche
a Tropea


Attrazioni


esecuzione in 0,109 sec.

Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK