Piacenza: la città dei palazzi

Piacenza: la città dei palazzi

così nominata per la peculiarità della sua architettura nobiliare

Già i viaggiatori che nel ‘700 attraversarono la Valle Padana avevano soprannominato Piacenza “la città dei Palazzi”, per la peculiarità della sua architettura nobiliare. Infatti, diversamente dalla vicina Parma, dove l’aristocrazia si era resa cortigiana, la corte era praticamente assente e la classe nobiliare, che preferiva avere residenza in città, poteva celebrare il proprio rango in fastose imprese architettoniche. Già in età prefarnesiana furono edificati palazzi di una certa importanza, con porticati lungo tutti i lati del cortile d’onore come il Palazzo Scotti, ora Collegio Morigi, e Palazzo Landi, e con esterni in cotto arricchiti da fregi e portali secondo la consuetudine lombarda. Di solito la loro altezza non era elevata ma si strutturavano su due piani. Se nel tardo Cinquecento e nella prima metà del secolo successivo gli esterni sono piuttosto austeri e disadorni, gli edifici di fine Seicento hanno facciate più decorate, grazie all’influenza esercitata dai Bibbiena e soprattutto di Ferdinando che lavorò per tanti anni alla corte farnesiana. E’ suo il progetto del grandioso partito decorativo a finte architetture dipinto nel salone di Palazzo Costa. Quest’ultimo è un edificio dal tipico schema ad “U”, in cui la scala, pressoché “libera”, presenta un rapporto immediato col cortile d’onore e una sorta di sfondato nella volta. Tutti questi sono elementi architettonici che caratterizzano tanti scaloni bolognesi ma anche numerose residenze piacentine come i palazzi Ferrari, Falconi e Scotti. L’architettura piacentina risulta di un certo interesse anche per la volontà dei giovani seguaci del Bibbiena di applicare all’architettura costruita il principio compositivo “per angolo” messo a punto dai noti artisti bolognesi soprattutto in campo scenografico. Le scale sono spesso realizzate con una disposizione delle rampe in salita secondo tracciati diagonali, come nei palazzi Radini Tedeschi, Somaglia, Mischi, Mulazzani, Villa Scrivani. Negli antichi inventari rimane la traccia dell’esistenza di uno straordinario patrimonio pittorico custodito un tempo nelle dimore gentilizie e formato da opere di pittori, non solo piacentini, ma di svariata provenienza. Anche se a Piacenza mancava una scuola locale di figurinisti, fiorì in compenso nella città, un gruppo numeroso di artisti specializzati in pittura di architettura e di ornati, che ebbero un grande successo in tutta Italia e che li portò ad eseguire splendide decorazioni nelle residenze borboniche del Regno di Napoli e in Spagna. Famosissimo il salottino in porcellana disegnato da Giambattista Natali, attualmente conservato a Capodimonte e considerato un capolavoro dell’arte rococò.

Schede correlate
Piacenza
Piacenza (PC)
Visita alla città di Piacenza
Piacenza (PC)
Palazzo Vescovile e piazza del Duomo
Piacenza (PC)
Piacenza: collegamenti e trasporti
provincia di Piacenza
Palazzo Costa
Piacenza (PC)
Piacenza e il Facsal
Piacenza (PC)
Palazzo del Tribunale
Piacenza (PC)
Palazzo Ferrari Sacchini
Piacenza (PC)
Palazzo Malvicini Fontana
Piacenza (PC)
Stradone Farnese
Piacenza (PC)
Palazzo Scotti di Sarmato
Piacenza (PC)
Palazzo Baldini Radini Tedeschi
Piacenza (PC)
Palazzo Morando
Piacenza (PC)
Palazzo Mandelli
Piacenza (PC)
Itinerari extraurbani piacentini
provincia di Piacenza
Palazzo del Collegio Morigi
Piacenza (PC)
Palazzo dei Cavazza della Somaglia
Piacenza (PC)
Palazzo Barattieri
Piacenza (PC)
Palazzo Rota Pisaroni
Piacenza (PC)
Palazzo Farnese
Piacenza (PC)
Palazzo Anguissola di Grazzano
Piacenza (PC)

Cerchi case?
Piu di 4.500.000 immobili!

GoHome.it immobili!

Palazzo Farnese a Piacenza
Palazzo Farnese a Piacenza
Palazzo Somaglia a Piacenza
Palazzo Somaglia a Piacenza
Palazzo Gotico e la statua equestre a Piacenza
Palazzo Gotico e la statua equestre a Piacenza

Comune di Piacenza


rimini forli ravenna ferrara bologna modena reggio emilia parma piacenza
Sardegna Sicilia Calabria Basilicata Campania Puglia Molise Abruzzo Lazio Umbria Marche Toscana Emilia Romagna Liguria Friuli Venezia Giulia Veneto Trentino Alto Adige Lombardia Piemonte Valle d'Aosta



esecuzione in 0,156 sec.

Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK