Palma il Giovane

Palma il Giovane

Bergamo, pittore, dipinti, pittura lombarda, Jacopo Negretti, Val Cavallina

(Venezia 1544-1626)
Jacopo Negretti, detto Palma il Giovane, pronipote del bergamamsco Palma il Vecchio, si formò a Venezia inun clima caratterizzato dalla contrapposizione tra la scuola veneta e quella romano-fiorentina: la prima dominata da Tiziano, mentre la seconda rappresentata da Raffaello e Michelangelo. Jacopo esordì all’età di vent’anni entrando al servizio di Guidobaldo II della Rovere, per il quale eseguì a Urbino copie di Raffaello e Tiziano; soggiornò quindi a Roma (1567-70), dove frequentò ambienti manieristici. Di ritorno a Venezia, dove condusse a termine la Pietà di Tiziano, la sua formazione si venne maturando sotto gli influssi “luministici ed il movimento drammatico” del Tintoretto, il “verismo” del Bassano, lo “stile decorativo” del Veronese. Palma il Giovane ebbe grande fortuna nella bergamasca e provincia dominata per secoli dalla pittura veneta. In Val cavallina lo troviamo nelle parrocchiali di Bianzano e Ranzanico.

Palma-il-Giovane
Palma-il-Giovane

lecco como sondrio bergamo brescia mantova cremona lodi pavia milano varese
Sardegna Sicilia Calabria Basilicata Campania Puglia Molise Abruzzo Lazio Umbria Marche Toscana Emilia Romagna Liguria Friuli Venezia Giulia Veneto Trentino Alto Adige Lombardia Piemonte Valle d'Aosta



esecuzione in 0,156 sec.

Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK