Palazzo Gotico

Palazzo Gotico

simbolo della città emiliana

Sorge nel 1281 per iniziativa di Alberto Scoto, capo della Università dei Mercanti e potente signore della città, che ne affida la costruzione agli architetti piacentini Pietro da Cagnano, Negro dè Negri, Gherardo Campanaro e Pietro da Borghetto, destinandola a sede del Governo cittadino. L'edificio, pur sottoposto nel corso dei secoli a lavori di ammodernamento, non si sottrasse alla rovina del tempo, divenendo oggetto negli anni intorno alla Unità d'Italia, di un Vivace dibattito riguardante le modalità del restauro architettonico. Tale dibattito coinvolse eminenti studiosi dell'epoca, da Giuseppe Mengoni a Camillo Boito a Giuseppe Telamoni, schierati sugli opposti fronti del ripristino integrale di ciò che si pensava fossero le strutture originarie e la concomitanza distruzione delle aggiunte successive, o a favore di un recupero che conservasse invece proprio le sovrapposizioni posteriori.
Nel 1871 sulla scia della prima posizione iniziò il riassetto del palazzo, qui denominato Gotico. Fu tra l'altro, riportata alla luce la torretta medievale dell'angolo nord-est, murata durante il XVI secolo, e rifatta tutta la parte terminale del monumento, sino alle merlature di coronamento. Oggi la facciata risulta spartita in due ordi1i. Quello inferiore è distinto da cinque possenti arcate a sesto acuto che determinano un portico a due navate coperto da volte a crociera, il superiore, in laterizio è ritmato invece da sei finestroni a tutto sesto arricchiti da svariati ornati di cotto. Tra la quarta e la quinta finestra è ospitata entro un nicchia, una statua raffigurante Maria con il Bambino (XIII sec., oggi al museo civico) proveniente dalle vicina chiesa di S. Francesco, mentre nella torretta centrale è lo storico campanone, utilizzato in passato per radunare il popolo in particolari occasioni. I fianchi dell'edificio presentano soluzioni analoghe al fronte, quello di sinistra retto da tre arcate e con coro1amento a cuspide, è illuminato da tre trifore sormontate da un rosone, in quello di destra è invece visibile, al di sopra delle trifore, un'esafora rettangolare sostenuta da colonnette binate. Varcato il porticato e giunti nel cortile si può, percorrendo lo scalone a destra, raggiungere il vasto salone rettangolare con tetto a capriate, frutto dei restauri del 1884.
Sulla sinistra del Palazzo Gotico, nella piazzetta dei Mercanti, si erge il palazzo dei Mercanti a due piani e con vasto portico. Già sede del Collegio della Mercanzia di Piacenza e riedificato tra il 1679 e 97, venne donato al Comune dalla duchessa Maria Luigia (1840). Oggi vi si raduna il Municipio, utilizzando la spaziosa sala consigliare al primo piano ripristinata nel 1858.

Schede correlate
Palazzo Vescovile e piazza del Duomo
Piacenza (PC)
Palazzo Costa
Piacenza (PC)
Palazzo del Tribunale
Piacenza (PC)
Palazzo Ferrari Sacchini
Piacenza (PC)
Palazzo Gragnani
Piacenza (PC)
Palazzo Malvicini Fontana
Piacenza (PC)
Palazzo Scotti di Sarmato
Piacenza (PC)
Palazzo Baldini Radini Tedeschi
Piacenza (PC)
Piazza Cavalli
Piacenza (PC)
Palazzo del Governatore
Piacenza (PC)
Chiesa di San Francesco
Piacenza (PC)
Palazzo Morando
Piacenza (PC)
Palazzo Mandelli
Piacenza (PC)
Chiesa di Sant’Ilario
Piacenza (PC)
Palazzo del Collegio Morigi
Piacenza (PC)
Palazzo dei Cavazza della Somaglia
Piacenza (PC)
Palazzo Barattieri
Piacenza (PC)
Istituto Privato di Belle Arti Gazzola
Piacenza (PC)
Palazzo Rota Pisaroni
Piacenza (PC)
Palazzo Farnese
Piacenza (PC)
Palazzo del Podestà
Castell'Arquato (PC)

Cerchi case?
Piu di 4.500.000 immobili!

GoHome.it immobili!

Palazzo Gotico a Piacenza
Palazzo Gotico a Piacenza

Comune di Piacenza


rimini forli ravenna ferrara bologna modena reggio emilia parma piacenza
Sardegna Sicilia Calabria Basilicata Campania Puglia Molise Abruzzo Lazio Umbria Marche Toscana Emilia Romagna Liguria Friuli Venezia Giulia Veneto Trentino Alto Adige Lombardia Piemonte Valle d'Aosta



esecuzione in 0,171 sec.

Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK