Notizie del territorio e visita a Canelli

Notizie del territorio e visita a Canelli

ricco di colline ammantate di vigneti

Il comune di Canelli sorge sulla riva sinistra del torrente Belbo all'inizio della Langa. Il territorio circostante è ricco di colline ammantate di vigneti che fanno dell'intera zona il centro di produzione dell'Asti Spumante, vino simbolo di Canelli e dell'astigiano nel mondo. Per questo Canelli è denominata "capitale dello spumante" o “Città del Vino”. La cittadina di Canelli è divisa in due zone: la parte sul fondovalle denominata il borgo e la zona alta detta Villanuova. Sulla piazza San Tommaso si trovano due delle più belle chiese di Canelli: la Parrocchiale di San Tommaso e la Chiesa dell'Addolorata. La parrocchiale presenta nelle nicchie le statue dell'immacolata Concezione e di San Giuseppe con il Bambino. Sul portale si trova un affresco raffigurante San Tommaso e l'Assunta. La chiesa dell'Addolorata presenta sopra il portale l'Annunciazione. A destra della chiesa una piccola strada selciata attraversa la parte medioevale della città. Sulla piazza San Leonardo, a sinistra, è la Chiesa di San Rocco, barocca. Davanti si innalza la Parrocchiale di San Leonardo con facciata intonacata e atrio porticato sostenuto da due colonne. Proseguendo si arriva all'antico accesso del Castello, che domina dalla cima della collina di Villanuova. L'edifico attuale è il risultato della ristrutturazione operata nel 1930 dall'architetto Arturo Midana, incaricato dalla famiglia Gancia. Tra gli altri importanti edifici della cittadina il settecentesco Palazzo Sacarazzini, antico municipio in piazza Amedeo d'Aosta; palazzo "La Balustra", tra via Garibaldi e via Cairoli, e un maestoso palazzo che una lapide ricorda quale abitazione dell'Abate Giovan Battista Giuliani situato nell'omonima via. Ad anni più recenti risalgono la Chiesa dell'ex Istituto Salesiani e il centro culturale del Sacro Cuore. La ditta Gancia, situata di fronte alla stazione ferroviaria, è oggi considerata uno dei cardini dell'industria enologica italiana. Fondata a Chivasso da Carlo Gancia, intorno al 1865 importò nella zona di Canelli le tecniche della spumantizzazione dei vini di Champagne. Altra importante ditta è la Riccadonna, fondata nel 1921. Sul territorio comunale è concentrata la quasi totalità dell'industri piemontese spumantiera, sugheriera e meccanica specializzata in enologia, e la cantina sociale di Canelli (1933) è una delle più antiche in Piemonte.

Schede correlate
Comunità delle Colline tra Langa e Monferrato
provincia di Asti
Il Canavese
Ivrea (TO)
Appuntamenti nell’Astigiano
provincia di Asti
Asti Manifestazioni ed eventi
provincia di Asti

Cerchi case?
Piu di 4.500.000 immobili!

GoHome.it immobili!

Canelli-città-del-vino
Canelli-città-del-vino
Canelli-il-paese
Canelli-il-paese
grappoli-di-uva
grappoli-di-uva

Comune di Canelli


vercelli alessandria asti cuneo torino biella novara verbania
Sardegna Sicilia Calabria Basilicata Campania Puglia Molise Abruzzo Lazio Umbria Marche Toscana Emilia Romagna Liguria Friuli Venezia Giulia Veneto Trentino Alto Adige Lombardia Piemonte Valle d'Aosta

categorie schede turistiche
a Canelli


Attrazioni


esecuzione in 0,125 sec.

Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK