Museo Civico Etnografico G. Podenzana

Museo Civico Etnografico G. Podenzana

Religiosità popolare e utensili da cucina

Religiosità popolare

Sono esposte diverse immagini devozionali in marmo, un tempo situate sulle abitazioni lungo le antiche mulattiere.
Era usanza compiere riti collettivi, spesso legati ai pellegrinaggi in luoghi che videro culti precristiani; infatti erano diffuse credenze magico pagane a questi collegate. I riti maggiormente sentiti erano quelli relativi alla protezione contro le avversità. Fra il popolo particolarmente diffusa era la devozione per la Madonna ed i santi patroni locali, ma in realtà gli incontri che si tenevano in onore di questi avevano solo in apparenza funzione religiosa, il loro scopo era essenzialmente sociale. Uno di questi riti, che aveva luogo il 5 agosto, prevedeva la processione nel bosco del Gaggio per invocare protezione e il 25 agosto nella selva di Filetto.
Altri oggetti conservati erano i pipin, immagini di legno dei neonati molto diffuse nel pontremolese, a Podenzana e dintorni.


Cucina e mensa

La raccolta di utensili ci fa comprendere quale fosse il senso della vita privata.
Gli utensili sono prevalentemente in legno, pietra arenaria, usati per fabbricare testi, piatti, vasellami, posate, mestoli ed altro; solo le famiglie benestanti potevano avvalersi di utensili in ceramiche o metalli.
Il pasto era solitamente consumato in tuffanìe, ovvero recipienti unici, in legno o terracotta.
La cottura avveniva su focolari posti all’aperto, che solo un secolo fa furono sostituiti dalla comparsa di focolari al chiuso in ghisa.
Con quest’ultimo materiale venivano realizzati anche i tipici testi in ghisa, costituiti da una teglia a due manici e un coperchio a cupola con manico centrale. Nei testi si cuocevano pattone, testaroli, pani e torte d’erbe.
Larga diffusione trovano anche utensili in rame.
In auge fino ai primi decenni del secolo scorso, rimasero stampi tradizionali per pasta, pane e dolci, tuttora prodotti nel chiavarese.
Tipico dolce della Val di Magra, di Pontremoli e di Sarzana, dove è confezionato anche lo sgabeo, è la spongata.

Schede correlate
Breve storia del Museo Civico "Ubaldo Formentini"
La Spezia (SP)
Museo Civico Amedeo Lia - l'edificio
La Spezia (SP)
Museo Civico del Sigillo
La Spezia (SP)
La Palazzina delle Arti
La Spezia (SP)
La Spezia: Museo Tecnico Navale
La Spezia (SP)
Museo Diocesano di La Spezia
La Spezia (SP)
Museo Civico di Arte Moderna e Contemporanea
La Spezia (SP)
breve storia del Museo Civico Etnografico G. Podenzana
La Spezia (SP)
Visita al Museo Civico Etnografico G. Podenzana
La Spezia (SP)
Museo Nazionale dei Trasporti di La Spezia
La Spezia (SP)

Cerchi case?
Piu di 4.500.000 immobili!

GoHome.it immobili!

Comune di La Spezia


la spezia genova savona imperia
Sardegna Sicilia Calabria Basilicata Campania Puglia Molise Abruzzo Lazio Umbria Marche Toscana Emilia Romagna Liguria Friuli Venezia Giulia Veneto Trentino Alto Adige Lombardia Piemonte Valle d'Aosta

categorie schede turistiche
a La Spezia


Attrazioni


esecuzione in 0,203 sec.

Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK