Moroto 19 luglio 2007

Moroto 19 luglio 2007

reportage Uganda

Moroto 19 luglio 2007

“Moro tò”, la montagna a ovest. Siamo ad un’altitudine di oltre mille metri qui a Moroto, nella parte ovest dell’Uganda. compiuti lo scorso anno, nel 2006. Si rivolge a noi “carissimi amici, cari volontari” riprende “qui siamo ai tempi di Abramo”. E’ comboniano Padre Gostoli, come tanti missionari che qui hanno dedicato gran parte della loro vita. Ed è con lui che andremo questa mattina in visita al dispensario di Kidepo, a pochi chilometri dal nostro centro. Arriva presto, sono le 7,30. Usciamo e lo vediamo salire sulla sua jeep e ci fa segno di seguirlo. Corre davanti a noi. La strada è sterrata, come tutte o quasi da queste parti. Si leva davanti a noi una polvere rossa che inevitabilmente respiriamo. Come ogni giorno. E’ nell’aria, vola. E procura un po di tosse a qualcuno di noi. Niente di preoccupante. E’ forse consigliabile bere qualche bottiglietta d’acqua in più. Ogni tanto Padre Gostoli ferma la sua jeep per aiutare alcuni bambini, alcune donne che trova per strada con dei carichi di acqua, con dei sacchi. Pesantissimi per loro, ma lo fanno tutti i giorni. Tocca a loro i lavori più gravosi, alle donne e ai bambini. Questi ultimi portano spesso anche gli animali. Se ne stanno fuori dalla mattina alla sera, senza mangiare, senza bere. Padre Gostoli da loro un passaggio, in una sorta di autostop. Ai piccoli da anche, qualche volta, alcune tam tam, caramelle. Gli uomini invece li trovi frequentemente sotto le piante, al fresco, in gruppi di cinque, sei, sette o più, comodamente distesi con la testa sul loro ekichalò. Altri lo usano per sedersi sopra. E’ un piccolo aggeggio in legno, tipico di qua, che portano sempre con sé. Gli uomini non fanno nulla. Donne e bambini fanno anche per loro. Giungiamo al dispensario di Kidepo. All’interno prestano servizio quattro infermiere ed è gestito dalle suore. Ha funzioni di assistenza medica ed è inserito in un ambiente di ricca vegetazione. Sono coltivazioni di sorgo e di mais, ma anche di bietole, zucchine, melanzane, pomodori, limoni, aranci. A testimonianza che l’acqua fa veramente la differenza. Insieme alle persone. Quelle come Padre Gostoli che ha dato voce ad un popolo dimenticato, che ha dato la speranza di una vita migliore. Che ha dato la speranza di una vita. Il centro è costituito da alcuni capannoni in pannelli di polistirolo, con un’anima di acciaio che li tiene insieme. Senza bisogno di scavi per le fondamenta ed è un’azienda italiana che li ha forniti, ci spiega. Andiamo con lui ad un villaggio lì di Kidepo, adiacente il dispensario. Arriviamo e si fanno incontro alcuni karimojong. Lui li saluta, li chiama tutti per nome, uno per uno. Li conosce tutti. Va a trovarli di tanto in tanto e, quando c’è bisogno, porta loro viveri, oppure indumenti e altre cose necessarie. La struttura del villaggio è molto bella. Una sorta di staccionata corre tutt’attorno le capanne e le divide per gruppi familiari. Solo rami e cortecce intrecciate, ben messe, curate. Ogni capanna è destinata ai vari componenti della famiglia. C’è la capanna dei genitori, quella dei figli, quella comune per varie funzioni. La staccionata disegna un percorso che porta ai vari gruppi di capanne. All’interno di una scorgo poggiata a terra, al centro, una grossa pietra. Serve per frantumare il mais o il sorgo, sfregandolo con un’altra pietra che si tiene in mano. Esce una sorta di farina che fatta bollire nell’acqua produce una specie di polenta (posho). I passaggi per entrare nel villaggio, ma anche nelle capanne, sono piccoli e molto bassi, un metro, forse meno. Per essere più protetti dagli attacchi. Un’altra costruzione sempre in rami e corteccia, fatta a cono capovolto e tenuta sollevata da terra, tipo palafitta, è destinata a contenere viveri, provviste. Funge da dispensa. Usciamo da questo villaggio, salutiamo e ringraziamo per l’ospitalità, e rientriamo a Moroto. Facciamo però tappa presso un pozzo d’acqua che Africa Mission – Cooperazione e Sviluppo ha installato solo qualche mese fa. Sorge in corrispondenza di una “durkoit”, un’acacia selvaggia. E’ una pianta, dice Padre Gostoli, che non tradisce mai. Cresce sempre in corrispondenza di acqua. Li si può perforare ed è certo che si troverà acqua, che si potrà montare un pozzo. Siamo in una zona chiamata Ekitela kekuam, piana del vento. Un ambiente unico, meraviglioso. Rientriamo al centro. Per il pomeriggio era prevista un’escursione al Monte Moroto, che faremo più avanti, causa l’indisposizione di qualcuno di noi. Oggi si può così riposare. Chi lo desidera. Io e Nicolò decidiamo invece di rimanere in movimento. Un giro a Moroto? una passeggiata nei dintorni? No, una partita di calcio. Con tanto di arbitro e squadre con undici giocatori. Io da una parte, Nicolò dall’altra. Tutto regolare. Anche il risultato: 7 a 1. Per chi? Non lo dico, non è carino…

Roberto Rossi

Schede correlate
30 luglio - 4 agosto: si ritorna...
Piacenza (PC)
Destinazione Karamoja
Piacenza (PC)
Kampala (Uganda) 13 luglio 2007
Piacenza (PC)
Moroto 17 luglio
Piacenza (PC)
Moroto 18 luglio 2007
Piacenza (PC)
Moroto 20 luglio 2007
Piacenza (PC)
Moroto 21 luglio 2007
Piacenza (PC)
Moroto 22 luglio 2007
Piacenza (PC)
Moroto 23 luglio 2007
Piacenza (PC)
Moroto 24 luglio 2007
Piacenza (PC)
Moroto 25 luglio 2007
Piacenza (PC)
Moroto 26 luglio 2007
Piacenza (PC)
Moroto 27 luglio 2007
Piacenza (PC)
Moroto 28 luglio 2007
Piacenza (PC)
Moroto 29 luglio 2007
Piacenza (PC)
Moroto primo giorno
Piacenza (PC)
Reportage dall'Uganda
Piacenza (PC)

Cerchi case?
Piu di 4.500.000 immobili!

GoHome.it immobili!

bimbo con tam tam
bimbo con tam tam
padre Gostoli
padre Gostoli
tam tam ai bambini a Naoi
tam tam ai bambini a Naoi

Comune di Piacenza


rimini forli ravenna ferrara bologna modena reggio emilia parma piacenza
Sardegna Sicilia Calabria Basilicata Campania Puglia Molise Abruzzo Lazio Umbria Marche Toscana Emilia Romagna Liguria Friuli Venezia Giulia Veneto Trentino Alto Adige Lombardia Piemonte Valle d'Aosta



esecuzione in 0,141 sec.

Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK