Montecorvino Rovella

Montecorvino Rovella

dominato dal Monte Nebulano

Secondo l'ipotesi più condivisa dagli storici, il nome Montecorvino deriverebbe dall'antichissimo idioma ebraico Korak (terra bruciata) in ossequio all'antichissima e provata origine vulcanica del suolo che presenta alcune sorgenti di acque sulfuree e delle esalazioni di anidride carbonica (mofete) che ne sono gli elementi caratteristici.
Il Monte Nebulano che domina il Paese, mostra ancora i ruderi di un castello chiamato appunto castello Nebulano, sorto probabilmente intorno al VI secolo d.C., che offrì ricovero alle popolazioni della pianura minacciate dalle incursioni saracene.
Il castello Nebulano conobbe una duplice distruzione, la prima nel 1137 ad opera di Ruggero il Normanno, e la seconda nel 1392 quando le soldatesche di Ladislao di Durazzo, capitanate da Alberico da Barbiano, espugnarono la fortezza che aveva ospitato i Sanseverino, potentissimi Signori di Salerno.
Il castello fu presto ricostruito e sostenne in fatto d'armi il re Alfonso I d'Aragona. Per riconoscenza dell'aiuto offerto, Alfonso II, il 24 giugno 1494, conferì il titolo nobiliare a 23 famiglie del luogo. Attualmente esso è ridotto a rudere
Nel 1820, a seguito di una legge emanata da Ferdinando I di Borbone il 1° maggio 1816, si ebbe la separazione dei Comuni di Montecorvino Rovella e Montecorvino Pugliano, i quali assunsero rispettivamente i nomi di Casali ove aveva sede il Municipio.

copyright: www.galcollinesalernitane.it

Schede correlate
Acerno - breve cronistoria
Acerno (SA)
Il giovane comune di Bellizzi
Bellizzi (SA)
Chiesa dei SS. Pietro e Paolo, di S. Maria della Pace e altre
Montecorvino Rovella (SA)
Appuntamenti a Montecorvino Rovella
Montecorvino Rovella (SA)

Comune di Montecorvino Rovella


napoli salerno avellino benevento caserta
Sardegna Sicilia Calabria Basilicata Campania Puglia Molise Abruzzo Lazio Umbria Marche Toscana Emilia Romagna Liguria Friuli Venezia Giulia Veneto Trentino Alto Adige Lombardia Piemonte Valle d'Aosta



esecuzione in 0,093 sec.

Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK