Montecchio Emilia ieri e oggi

Montecchio Emilia ieri e oggi

abitato già nella preistoria

E' il nome definitivo dalla contessa Beatrice di Canossa, madre di Matilde che fece costruire da Alberico da Barbiano il castello medioevale nel 1113 in una località che era stata variamente chiamata (Nicia, incia, Monticellum). Fu governato da cinque diverse famiglie nobili: i Fieschi di Lavagna; i della Scala; i Rossi; i Gonzaga; i Visconti; i Terzi; gli SforzaTesta; gli Este. La Signoria degli Este fu la più duratura: dal 1409 al 1859, con tangibili segni di sviluppo nei primi due secoli. Montecchio infatti era un grosso centro commerciale per i prodotti agricoli e la seta, ed era sede di tribunale così come oggi è sede di Pretura. Il castello cominciò a decadere alla fine del 1600, quando non era più indispensabile la difesa delle mura, tanto che il fosso venne interrato e coltivato e le mura abbattute: ne restano solo tracce nei vicoli e nei cortili. In seguito venne restaurato all'epoca di Napoleone ed ora se ne può ammirare la poderosa torre e le costruzioni attigue, anche se a volte nascoste da moderne strutture. Da visitare anche l'imponente Santuario della Madonna dell'Olmo, con begli affreschi. Montecchio è conosciuta per il commercio di antiquariato rustico, genuina espressione di arte contemporanea.

Schede correlate
Reggio Emilia: breve storia
Reggio nell'Emilia (RE)
Reggio Emilia: notizie del territorio
Reggio nell'Emilia (RE)

Comune di Montecchio Emilia


rimini forli ravenna ferrara bologna modena reggio emilia parma piacenza
Sardegna Sicilia Calabria Basilicata Campania Puglia Molise Abruzzo Lazio Umbria Marche Toscana Emilia Romagna Liguria Friuli Venezia Giulia Veneto Trentino Alto Adige Lombardia Piemonte Valle d'Aosta

categorie schede turistiche
a Montecchio Emilia


Attrazioni


esecuzione in 0,140 sec.

Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK