Marmolada: Museo della Grande Guerra

Marmolada: Museo della Grande Guerra

a quota 2950 mt. è il più alto museo d'Europa

Sulla forcella VU, in una guerra di posizione si combatterono Italiani ed Austro-Ungarici negli anni 1915 -1917.
Il Museo della Marmolada sorge esattamente su questi luoghi, rappresentando così il più alto museo d'Europa, situato a quota 2950 nella stazione funiviaria di Serauta, ai bordi del ghiacciaio.
Allestito con il sostegno della S.p.A Marmolada, con la creativa partecipazione dell'arch. Beppe Olivieri la collaborazione del geom. Giuliano Baroni e del cav. Gianrodolfo Rotasso, il Museo è stato inaugurato il 9 Giugno del 1990 con la partecipazione delle autorità militari e di associazioni combattentistiche italiane ed austriache.
Da allora è stato visitato da un elevato e sempre crescente numero di persone, riscuotendo un generale apprezzamento.
Il Museo si propone di ricordare ed onorare, imparzialmente e al di sopra di ogni ideologia politica e di confine, tutti gli uomini che sul ghiacciaio, al gelo e nel buio delle gallerie combatterono con coraggio, soffrirono e morirono per la propria patria.
Sono esposti cimeli personali e di guerra rinvenuti in zona, di entrambe le parti, riproduzioni di foto e documenti d'epoca raccolti presso l'Ufficio Storico dello Stato Maggiore dell'Esercito Italiano, l'Archivio di Guerra di Vienna, i musei Heeresgeschichtliche e Kaiserjëger di Vienna, il Kaiserschützen di Innsbruck.
Il plastico e le numerose foto ben conservate, portano alla scoperta dei segreti della meravigliosa opera ingegneristica progettata dal tenente Leo Handel: la "Città di Ghiaccio". Soltanto con l'impiego geniale delle gallerie nel ghiaccio si poterono mantenere, da parte austriaca, le postazioni sulla Marmolada. L'opera di Handel ha permesso di salvare molte vite umane, ma la mancanza di eventi spettacolari ed eclatanti ha fatto si che non gli venisse tributato l'onore che si meritava.
Una fitta rete di gallerie scavate nello spessore del ghiaccio fino a decine di metri di profondità; ed intrecciate con i crepacci, dava rifugio e protezione a centinaia di soldati austriaci
Grazie all'impegno delle Brigate Alpine Tridentina e Cadore sono state riattivate e rese visitabili le postazioni in grotta italiane ed austriache della Punta Serauta e della forcella Vu. Nell'estate del 1990 sono iniziati i lavori per la esumazione di 15 Fanti e del Ten. Flavio Rosso, Medaglia d'argento al Valor Militare, sepolti in una grotta sulla Forcella Vu e per la ricostruzione in grotta dell'infermeria dell'epoca, con tutto il relativo materiale originale.
Dagli ampi finestroni del Museo si possono osservare le vicine postazioni di guerra italiane ed austriache, nonchè i camminamenti che le collegano, offrendo spunto nel periodo estivo ad interessanti e panoramiche escursioni anche per i meno esperti.

Museo della Grande Guerra (1915-1918) in Marmolada
Malga Ciapela - 32020 Rocca Pietore (BL)
Dipendenza Amministrativa: Ministero della difesa
Gestione: dott. Mario Bartoli
orario d'apertura: tutti i giorni dalle 9:30 alle 15:30

© Copyright www.dolomiti.com

Schede correlate
Marmolada: Sci allo stato puro, ma non solo...
provincia di Belluno
Colle Santa Lucia
Colle Santa Lucia (BL)
Laghetti delle Selle e del Laguscèl
Agordo (BL)
Escursioni in Marmolada
provincia di Belluno
Vie ferrate in Marmolada
provincia di Belluno
Sentiero della Pace
provincia di Trento
Mountain bike in Marmolada
provincia di Belluno
Tradizioni e usanze in Marmolada
Rocca Pietore (BL)
Shopping in Marmolada
provincia di Belluno

Cerchi case?
Piu di 4.500.000 immobili!

GoHome.it immobili!

Comune di Rocca Pietore


rovigo padova venezia treviso verona vicenza belluno
Sardegna Sicilia Calabria Basilicata Campania Puglia Molise Abruzzo Lazio Umbria Marche Toscana Emilia Romagna Liguria Friuli Venezia Giulia Veneto Trentino Alto Adige Lombardia Piemonte Valle d'Aosta



esecuzione in 0,156 sec.

Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK