Luoghi del Garda Trentino: Nago

Luoghi del Garda Trentino: Nago

tra il Dosso di Penede e il Dosso di S. Zeno

Stazione turistica, è un paese allungato tra il Dosso di Penede e il Dosso di S. Zeno, affacciato sulla bassa Valle del Sarca verso il Lago di Garda. E' luogo abitato fin dalla preistoria e nel suo territorio sono stati rinvenuti importanti reperti archeologici. Nei documenti è citato per la prima volta nel 1171 e formava con Torbole una comunità regolata da statuti confermati nel 1647 dai Conti del Tirolo. In contrada S. Vigilio sorge la Pieve di S. Vigilio, edificio del 1194 ricostruito nel XVII secolo, fiancheggiato dalla torre romanica del campanile a bifore. Il portale della chiesa è sormontato dallo stemma Madruzzo e la cimasa accoglie la statua di S. Vigilio. L'interno è ad una navata scandita su tre campate con volte a crociera. Conserva un battistero di marmo del XVI secolo, tele del XVII e XVIII secolo e altare di marmo policromo. Nella piazzetta vicina si trova Casa Tonelli, ha forme barocche, ma, attraversato il portico, si giunge ad un edificio quattrocentesco addossato alla rupe del castello. Nella piazza superiore invece c'è la settecentesca Casa Gazzoletti e la chiesa della Trinità del diciottesimo secolo. L'ambiente del rione Portadosso ha invece una spiccata fisionomia rustica anche se non mancano prospetti di tocco signorile come quello di Casa Bonetti. Le case si allungano fino al Dosso sulla cui cime c'è la chiesa di S. Zeno. Molto antica, è stata rimaneggiata nel XVI secolo ma è ora quasi in rovina. In Via S. Lucia si trova Casa Mazzoldi con una bella bifora e un affresco veneto del 1537. Fu sede della Dogana Tirolese. Nella parte bassa del paese sorgono i Forti di Nago, esempi di fortificazioni austriache ottocentesche. Sono stati recentemente restaurati ed adibiti a uso turistico. La rupe che si protende verso il lago di Garda è coronata dai ruderi del castello di Penede. Fu sede di un castelliere preistorico e punto fortificato dei Romani. Nominato per la prima volta nel 1210 fu feudo dei d'Arco fino al XIII secolo quando passò ai Castelbarco per tornare poi ai d'Arco. Nel 1438 fu espugnato dalle truppe venete, ripreso dagli imperiali di Massimiliano I nel 1509 fu riconsegnato ai d'Arco quale Feudo Tirolese. Nel 1701 fu occupato dalle truppe di Eugenio di Savoia e due anni dopo saccheggiato e dato alle fiamme dagli eserciti del Duca di Vendome.
Particolarità del territorio di Nago sono i pozzi glaciali o Marmitte dei Giganti. Un gruppo è visitabile sotto il paese, presso la strada statale, l'altro si trova lungo la strada della Maza ad 1 Km. circa da Nago.

Schede correlate
La Piana del Sarca e le Giudicarie
provincia di Trento
il Garda Trentino
provincia di Trento
Itinerari sul Garda trentino: Arco
Arco (TN)
Dro
Dro (TN)
Centri del Garda Trentino: Torbole
Nago Torbole (TN)
itinerari in mountain bike sul Garda Trentino
provincia di Trento

Cerchi case?
Piu di 4.500.000 immobili!

GoHome.it immobili!

Comune di Nago Torbole


trento bolzano
Sardegna Sicilia Calabria Basilicata Campania Puglia Molise Abruzzo Lazio Umbria Marche Toscana Emilia Romagna Liguria Friuli Venezia Giulia Veneto Trentino Alto Adige Lombardia Piemonte Valle d'Aosta
Elenco Provincie
Trentine


Bolzano
Trento

categorie schede turistiche
a Nago Torbole


Attrazioni


esecuzione in 0,078 sec.

Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK