Lumache

Lumache

piatto molto gustoso che richiede una preparazione partcolarmente attenta

La prima operazione è di pulizia.
Si procede così alla cosiddetta “spurgatura” che consiste nel posizionare le lumache chiuse in un contenitore di cartone, o anche di latta, su un letto di crusca per una settimana circa. Qualora le lumache fossero in letargo si può procedere subito alla scottatura evitando il suddetto passaggio.

Nel caso della spurgatura è necessario lavare accuratamente le lumache per poi immergerle in acqua bollente dove rimarranno per 15 minuti circa.

Una volta scolate ed estratte dal guscio, aiutandoci con l’apposita forchettina a due punte, si procede con l’asportazione della parte interna, ossia l'intestino, per poi passarle in un piatto con farina gialla che sarà utile a togliere il viscido, con un semplice strofinata.

La pulitura, che deve essere alquanto approfondita, continua in acqua tiepida, aiutati con l’uso di uno strofinaccio, finchè non si passa al definitivo risciacquo sotto abbondante acqua corrente.

Altre tecniche per la pulizia delle lumache, in uso nel territorio piacentino sono le seguenti.
La prima consiste nel lasciare le lumache in acqua bollente per un quarto d'ora, poi si sgusciano e si lavano in acqua tiepida; dopodichè si immergono in una bacinella con 5/6 spizzichi di sale e vino bianco tiepido, dove rimarranno per alcune ore. Si termina con una strofinata energica perché perdano il viscido, l’asportazione delle interiora, la rimessa a bagno in altro vino bianco ed infine un ultimo lavaggio in acqua fredda.

Un ultimo metodo prevede la bollitura delle lumache ancora chiuse per circa mezz'ora; si asporta il guscio e si procede con un lavaggio accurato a base di abbondante acqua tiepida, sale, aceto e due manciate di farina gialla: ad una ad una si sfregano con estrema cura per tre o quattro volte finché non si percepisce più il viscido. Si elimina l'interno e si sciaqua in acqua corrente.

Per le lumache che versano in letargo invernale, è sufficiente lessarle in pentola con acqua bollente; giunte a metà cottura si estraggono dal guscio, si asporta la parte nera dell'intestino e si lavano in acqua corrente.

Schede correlate
Agnello alla Piacentina
provincia di Piacenza
Anolini (Anvein)
provincia di Piacenza
Burtleina
provincia di Piacenza
Ciambella (Buslàn)
provincia di Piacenza
''Gnoc ad la vigilia''
provincia di Piacenza
Gonfietti
provincia di Piacenza
Pisarèi e fasò (gnocchetti e fagioli)
provincia di Piacenza
Polenta condita (Pulêinta cônsa)
provincia di Piacenza
Polenta e ciccioli (Pulêinta e graséi)
provincia di Piacenza
Sprelle (Ciàciar)
provincia di Piacenza
Tortelli con gli spinaci (Turtéi)
provincia di Piacenza
Gastronomia piacentina
provincia di Piacenza
La cucina piacentina
provincia di Piacenza
gnocco fritto (o torta fritta)
provincia di Piacenza

rimini forli ravenna ferrara bologna modena reggio emilia parma piacenza
Sardegna Sicilia Calabria Basilicata Campania Puglia Molise Abruzzo Lazio Umbria Marche Toscana Emilia Romagna Liguria Friuli Venezia Giulia Veneto Trentino Alto Adige Lombardia Piemonte Valle d'Aosta



esecuzione in 0,109 sec.

Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK