Lorenzo Lotto

Lorenzo Lotto

Bergamo e i suoi artisti

La permanenza di Lorenzo Lotto a Bergamo segna gli anni più felici e produttivi del “pictor famosissimus” veneziano. Non si tratta del ricordo di un lungo soggiorno, iniziato nel 1513 con la Pala di S. Bartolomeo e conclusosi nel 1525 nelle Storie di Maria in S. Michele al Pozzo Bianco, con l’ideale prolungamento degli impegni assunti per le tarsie del coro di s. Maria Maggiore: e neppure del solo rilievo che sono assai numerose le chiese di Bergamo, da S. Spirito a S. Bernardino alle due chiese dedicate al patrono S. Alessandro ad ornarsi delle pale d’altare del Lotto. Ancora più importante è sottolineare come il pittore trovò in Bergamo una sorta di patria ideale dove raggiunse le forme più alte della sua arte, fondendo gli apporti della cultura bramantesca e raffaellesca con le influenze leonardesche e della pittura lombarda, e condizionando di fatto la cultura pittorica bergamasca per almeno un secolo.

lecco como sondrio bergamo brescia mantova cremona lodi pavia milano varese
Sardegna Sicilia Calabria Basilicata Campania Puglia Molise Abruzzo Lazio Umbria Marche Toscana Emilia Romagna Liguria Friuli Venezia Giulia Veneto Trentino Alto Adige Lombardia Piemonte Valle d'Aosta



esecuzione in 0,093 sec.

Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK