La rupe tarpea

La rupe tarpea

leggende romane

Si narra che ai tempi di Romolo la giovane e bella vestale figlia del custode del colle capitolino Spurio Tarpeo tradì la città ed aprì le porte di Roma ai Sabini ed al loro re Tito Tazio, chiedendo in cambio tutto ciò che i guerrieri avessero portato al loro braccio sinistro: i preziosi bracciali e gli anelli
d'oro.
Una volta arrivati sul Campidoglio, però, i Sabini interpretarono l'accordo a modo loro e, per ricompensa, le scagliarono contro un altro oggetto indossato a sinistra: i pesanti scudi utilizzati per la difesa, e la gettarono
poi dalla rupe sulla parte meridionale del colle.
Da allora la rupe prese il nome di rupe Tarpea e fu utilizzata nei secoli per recipitarvi i traditori della patria.

Schede correlate
La Bocca della Verità
Roma (RM)
Il palazzo della scimmia
Roma (RM)
L'altar maggiore in San Pietro
Roma (RM)
I buchi del Colosseo
Roma (RM)
L'angelo di Castello
Roma (RM)
Pasquino
Roma (RM)
Donna Olimpia
Roma (RM)
Quel che non fecero i barbari
Roma (RM)
Il pappagallo irriverente
Roma (RM)
Le ciliegie del Papa
Roma (RM)
Rigido come una Guardia Svizzera
Roma (RM)
Gli scherzi di Don Zurla
Roma (RM)
L'astuzia di Sisto V
Roma (RM)
La breccia di San Pietro
Roma (RM)
La magnificenza dei Chigi
Roma (RM)
La papessa Giovanna
Roma (RM)
Il drago di San Silvestro
Roma (RM)
La gravidanza di Nerone
Roma (RM)
La spada di Orlando
Roma (RM)

Cerchi case?
Piu di 4.500.000 immobili!

GoHome.it immobili!

Rupe tarpea
Rupe tarpea

Comune di Roma


latina frosinone roma rieti viterbo
Sardegna Sicilia Calabria Basilicata Campania Puglia Molise Abruzzo Lazio Umbria Marche Toscana Emilia Romagna Liguria Friuli Venezia Giulia Veneto Trentino Alto Adige Lombardia Piemonte Valle d'Aosta



esecuzione in 0,203 sec.

Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK