La pittura piacentina: Bruno Cassinari e Bruno Sichel

La pittura piacentina: Bruno Cassinari e Bruno Sichel

escono dall’Istituto d’Arte Gazzola e dall’Accademia di Brera

Negli anni ’30 si distinsero all’Istituto d’Arte Gazzola prima, e in seguito all’Accademia di Brera due giovani artisti: Bruno Cassinari e Bruno Sichel.
Bruno Cassinari, oltre ad essere forse il pittore piacentino più famoso e conosciuto, è indubbiamente quello di maggior rilievo in campo nazionale e internazionale.
Viene infatti oggi posto dalla critica accanto a grandi della pittura italiana contemporanea come Guttuso, Morandi, Sironi, Campigli, De Pisis, Rosai, Moriotti, Tosi, Carrà, Casorati, Afro, Birolli, Vedova, Pio, Semeghini, Scipione, Levi, Maccari etc. Nato nel 1912 a Piacenza, frequentò qui l’Istituto d’Arte Gazzola, poi, a Milano, l”Umanitaria” prima e nel 1934 l’Accademia di Brera, da cui si diplomò nel 1938. Nell’ aspra polemica, portata avanti nel 1940 dal gruppo di “Corrente”, contro il movimento artistico Novecento, ritenuto troppo dominato dall’incalzare di una particolare realtà sociale, il Cassinari si trova in prima linea. Nel 1940 tiene la sua prima personale, presentata da Elio Vittorini. Nell’immediato dopoguerra assieme a E. Morlotti, R. Guttuso, R. De Grada e altri, pubblica la rivista “Il 45” e partecipa al “Fronte Nuovo delle Arti”. Dipinge in questo periodo una serie di paesaggi, caratterizzati da toni intensi e profondi, che hanno come punti di riferimento Van Gogh e l’espressionismo. Dopo la fine della guerra incontrò Pablo Picasso, di cui divenne grande amico, ma, nonostante questa fu un’esperienza determinante per la sua carriera artistica, Cassinari non tradì mai la sua natura e rimase sempre se stesso. Troviamo infatti nella sua opera del periodo picassiano esperienze cubiste , astratte, neo-figurative, ma egli dipinse sempre cose che sentiva proprie, nuove, moderne, graficamente scattanti, vibranti di colori accesi e profondi. Intenso colorista, imprime alle sue composizioni una carica materica, ricca di suggestioni e di sollecitazioni emotive, in una fusione di colore e luce. Benchè la materia cromatica sia l’elemento caratterizzante del suo linguaggio pittorico, le sue immagini sono colme di trasfigurazioni liriche e non perdono il fascino di un richiamo elementare alla realtà.
Oggi i suoi quadri si trovano inseriti nelle collezioni nazionali ed estere di maggior prestigio.
Aderì a “Corrente” anche Bruno Sichel ma preferì lavorare nella tranquilla provincia piuttosto che unirsi a gruppi d’avanguardia.

Schede correlate
La pittura piacentina: Alessandra Chiappini
Piacenza (PC)
La pittura piacentina: Antonio Cotecchia
Piacenza (PC)
La pittura piacentina: Stefano Bruzzi e Francesco Ghittoni
Piacenza (PC)
La pittura piacentina: Luciano Richetti
Piacenza (PC)
La pittura piacentina: Osvaldo Bot
Piacenza (PC)
La pittura piacentina: Gustavo Foppiani
Piacenza (PC)
La pittura piacentina: Lodovico Mosconi
Piacenza (PC)
La pittura piacentina: Cinello Losi
Piacenza (PC)
La pittura piacentina: Giancarlo Braghieri
Piacenza (PC)
La pittura piacentina: Armodio
Piacenza (PC)
La pittura piacentina: Bruno Grassi
Piacenza (PC)
La pittura piacentina: William Xerra
Piacenza (PC)
Galleria Ricci Oddi
Piacenza (PC)
La pittura piacentina: Luciano Spazzali
Piacenza (PC)
La pittura piacentina: Gianni Guglielmetti e Bruno Missieri
Piacenza (PC)
La pittura piacentina: Gianfranco Asveri
Piacenza (PC)
La pittura piacentina: Franco Corradini
Piacenza (PC)
La pittura piacentina e gli anni '80
Piacenza (PC)

Cerchi case?
Piu di 4.500.000 immobili!

GoHome.it immobili!

opera di Bruno Cassinari
opera di Bruno Cassinari

Comune di Piacenza


rimini forli ravenna ferrara bologna modena reggio emilia parma piacenza
Sardegna Sicilia Calabria Basilicata Campania Puglia Molise Abruzzo Lazio Umbria Marche Toscana Emilia Romagna Liguria Friuli Venezia Giulia Veneto Trentino Alto Adige Lombardia Piemonte Valle d'Aosta



esecuzione in 0,281 sec.

Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK