La malattia di Lorenzo il Magnifico

La malattia di Lorenzo il Magnifico

tutta la potente famiglia de' Medici fu perseguitata dalla gotta

Secondo la tradizione, non solo Lorenzo ma tutta la famiglia de' Medici fu perseguitata dalla gotta, considerata a quel tempo la malattia tipica dei ricchi (morbus dominorum). Nel caso di Lorenzo de' Medici detto Il Magnifico (suo padre, Piero, era detto "il Gottoso"), le recenti ricerche tendono a mettere in dubbio quest'affermazione, in base alle osservazioni effettuate nel 1955 sulle presunte ossa di Lorenzo reperite nella Sagrestia Nuova della chiesa di San Lorenzo a Firenze. Gli esami radiografici, infatti, hanno messo in rilievo alterazioni dello scheletro che vengono attualmente incluse nel quadro della spondilite anchilosante, cioè di un'alterazione della colonna vertebrale. Lorenzo viene descritto dai temporanei "di statura mediocre, di viso brutto e di colore negro, con aria grave; la pronuncia a voce roca e poco gradevole, perché pareva parlare col naso"; inoltre, "aveva brutto viso, la vista corta, le carni nere, le gote schiacciate, la bocca grande fuori dell'ordine", il naso schiacciato, il mascellare inferiore sporgente, gli occhi tondi e grossi. Ma erano il suo portamento, la sua vivacità e il suo grande amore per la cultura a renderlo tanto gradevole e accetto.
Per arricchire la biblioteca medicea inviò dotti in Europa e Asia onde acquistare manoscritti e incunaboli, e si circondò di una corte di letterati e artisti come Ficino, Poliziano, Pico della Mirandola, Verrocchio, Pollaiolo, Lippi, Botticelli, Ghirlandaio.
All'età di 27 anni comparvero i primi dolori ossei a un piede (per i quali frequentò varie stazioni termali), che si estesero nel tempo agli arti superiori. La sua salute era affidata al più celebre medico e astrologo fiorentino, Pier Leoni da Spoleto, il quale assicurò che in breve l'augusto paziente sarebbe guarito completamente; ma i parenti, poco convinti, chiamarono a Firenze un luminare del tempo, maestro Lazzaro da Pavia, medico personale del duca di Milano. Questi, dopo aver criticato aspramente le cure del collega, mise in atto una sua terapia, all'epoca molto in auge, basata sulla somministrazione di polvere di pietre preziose come smeraldi, diamanti, rubini, topazi, ametiste, in base all'assunto che contenessero un misterioso e miracoloso succo petrifìco.
Con quale risultato è facile immaginare: nel febbraio 1492 le condizioni del paziente si aggravarono e il 9 aprile dello stesso anno il granduca morì, a soli 42 anni, nella sua villa di Careggi.
La causa diretta della morte va forse riconosciuta in un'emorragia secondaria a perforazione dello stomaco e peritonite. Riportano le cronache che il giorno dopo la morte di Lorenzo, fu ritrovato in un pozzo presso San Gervasio il cadavere di Pier Leoni da Spoleto, il quale si era suicidato per l'affronto subito di essere stato "scavalcato" da un altro medico e per il rimorso di non aver potuto salvare la vita del suo augusto paziente. Secondo un'altra versione, invece, sarebbe stato Giuliano, figlio di Lorenzo, a gettarlo nel pozzo, affranto per la morte del padre.


da: Famosi e Malati, Quando sono i grandi a star male. Luciano Sterpellone [SEI, Torino, 2005]

Schede correlate
Le Terre del Magnifico
provincia di Piacenza
Le Terre del Magnifico - Fiorenzuola d'Arda
Fiorenzuola D'Arda (PC)
Le Terre del Magnifico - Alseno
Alseno (PC)
Le Terre del Magnifico - Fidenza
Fidenza (PR)
Le Terre del Magnifico - Roccabianca
Roccabianca (PR)
Le Terre del Magnifico - Besenzone
Besenzone (PC)
Le Terre del Magnifico - Cortemaggiore
Cortemaggiore (PC)
Le Terre del Magnifico - S. Pietro in Cerro
San Pietro In Cerro (PC)
Le Terre del Magnifico - Villanova d'Arda
provincia di Piacenza
Le Terre del Magnifico - Castelvetro Piacentino
Castelvetro Piacentino (PC)
Le Terre del Magnifico - Monticelli d'Ongina
Monticelli D'Ongina (PC)
Lorenzo Il Magnifico
provincia di Piacenza
Leone X, figlio di Lorenzo il Magnifico
provincia di Roma

Ritratto di Lorenzo dè Medici detto il Magnifico
Ritratto di Lorenzo dè Medici detto il Magnifico

rimini forli ravenna ferrara bologna modena reggio emilia parma piacenza
Sardegna Sicilia Calabria Basilicata Campania Puglia Molise Abruzzo Lazio Umbria Marche Toscana Emilia Romagna Liguria Friuli Venezia Giulia Veneto Trentino Alto Adige Lombardia Piemonte Valle d'Aosta



esecuzione in 9,423 sec.

Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK