La grande tradizione della terra del Chianti

La grande tradizione della terra del Chianti

l'omonimo vino, in piccola quantità Galestro, VinSanto e grappa

Il primo documento nel quale viene chiamato Chianti il vino prodotto in questa terra è del 1404, archivio del famoso mercante Francesco Datini di Prato, anche se già da molti secoli si sono trovate tracce che in questi luoghi si coltivava la vite e l’olivo. Il vino rosso, nel XIV sec. aveva già notevole fama tanto che la Lega del Chianti, costituitasi proprio in quegli anni, sentì la necessità di legiferare su questo argomento, con la proibizione di vendemmiare prima del 29 settembre, giorno di S. Michele, per non compromettere, con vendemmie anticipate la qualità del prodotto. Nel 1924 fu costituito il consorzio per la Tutela del Chianti Classico, assumendo come emblema il Gallo Nero, lo stesso Gallo dell’insegna dell’antica Lega del Chianti e del Comune di Castellina in Chianti. Attualmente il consorzio del Gallo Nero ha sede in San Casciano Val di Pesa, nelle vicinanze di Firenze. Nel 1967 fu stabilita per tutto il Chianti la denominazione D.O.C. e fu definita per il Chianti Classico l’esatta zona di produzione nei territori di Castellina in Chianti, Radda in Chianti e Gaiole in Chianti. Dal 1984 il Chianti Classico fregia il marchio D.O.C.G.. Il Chianti Classico si ottiene attualmente da una miscela precisa di uve: Sangiovese (75/90%), Canaiolo (5/10%), ed uve bianche di Trebbiano e Malvasia (5/5%). E’ inoltre importante in questo territorio anche la produzione di olio extravergine di oliva, il cui tasso di acidità è addirittura inferiore all’1%. Nella coltivazione dell’olivo, in effetti è garantita molto di più la qualità che non la quantità, infatti la produzione dell’olio non è vasta, ed in alcune fattorie la macinatura delle olive è fatta proprio a freddo per garantirne la migliore qualità. L’olio del Chianti è inoltre rinomato per le numerose qualità terapeutiche tra le quali la riduzione della formazione del colesterolo, previene l’arteriosclerosi, migliora il funzionamento del sistema cardiovascolare e ritarda l’invecchiamento. Tra gli altri prodotti vitivinicoli della zona del Chianti e di tutta la Toscana occorre ricordare la grappa, il VinSanto ed in piccola quantità anche il Galestro.

Schede correlate
Il Territorio del Chianti
provincia di Siena
Vino nel Senese
provincia di Siena
Il Chianti
provincia di Siena
Le sei province del Chianti
provincia di Siena
Brunello di Montalcino
provincia di Siena
Castellina in Chianti
Castellina In Chianti (SI)
Castelnuovo Berardenga
Castelnuovo Berardenga (SI)
Itinerari nel senese: Quercegrossa
Castelnuovo Berardenga (SI)
Gaiole in Chianti
Gaiole In Chianti (SI)
L'antico borgo di Radda in Chianti
Radda In Chianti (SI)

pisa livorno grosseto siena arezzo firenze prato pistoia lucca massa
Sardegna Sicilia Calabria Basilicata Campania Puglia Molise Abruzzo Lazio Umbria Marche Toscana Emilia Romagna Liguria Friuli Venezia Giulia Veneto Trentino Alto Adige Lombardia Piemonte Valle d'Aosta



esecuzione in 9,277 sec.

Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK