La chiesetta in località Aversana

La chiesetta in località Aversana

il barocco a Battipaglia

In località Aversana, lungo Via Noschese, strada che ricalca un’antica via che collegava Paestum a Salernum, sorge una piccola e preziosa chiesetta.
Essa è inglobata all’interno di un complesso di abitazioni rurali la cui costruzione risale al 1600.
La cappella mostra subito al fruitore le sue origini nobili esibendo, sulla cornice del bel portale in pietra locale, uno stemma sormontato da una corona.
Entrando nella chiesa dedicata ai SS. Giuseppe e Fortunato, si può notare come il barocco sia dappertutto, nell’architettura: il soffitto è composto da tre campate ordinate rispetto a due assi che s’incrociano in corrispondenza della campata centrale. Nelle decorazioni : negli affreschi sul soffitto che rappresentano Dio Padre e S.Michele Arcangelo e negli stucchi dell’altare ricchi e sontuosi, tipici delle chiese seicentesche.
Altri elementi che datano la cappella sono le due lapidi, in origini murate all’interno della chiesa e oggi staccate e riposte in un angolo della chiesa, sul pavimento (…e poi perché?…Forse facevano gola a qualche “predone”?).
La prima lapide reca al centro uno stemma , al di sopra di esso un nome: “GIOSEPPO GENOVES” (Giuseppe Genovese) e, all’estremità opposta, una data: AD 1683.
La seconda lapide è priva di ornamenti, fatto salvo per una semplice croce che sormonta l’iscrizione: HOC SEPULCRU FIERI FECEBUT IOANNES ET PETRUS IENVENSES DE TERRA OLIBANI ANNO DOMINI 1624.
In passato ornavano la chiesa due preziose tele attribuibili ad un pittore della “Scuola di Pozzuoli”, oggi esposti nella nuova parrocchia della località Aversana.
All’interno della cappella è conservato un bel confessionale in legno, forse databile agli inizi del nostro secolo.
Le iscrizioni precedentemente citate, invece, si riferiscono a Giovanni, Pietro e Giuseppe Genovese, membri della famiglia che commissionò la cappella.
Nel 1865, la masseria, e quindi anche la chiesa, divenne di proprietà della famiglia Farina. Nel ‘900 la cappella fu ereditata da Monsignor Fortunato Farina, vescovo di Troia e Foggia che le donò all’Arcivescovo di Salerno.
Oggi, dunque, essa è di proprietà della Curia e, di tanto in tanto, un prete della vicina parrocchia officia la Santa Messa.

copyright: www.battipagliaonline.com

Schede correlate
Centri campani: Battipaglia
Battipaglia (SA)
Battipaglia - ipotesi sul toponimo
Battipaglia (SA)
Complesso Monastico di S. Mattia a Battipaglia
Battipaglia (SA)
Castelluccio di Battipaglia
Battipaglia (SA)
Battipaglia e il Paso di S. Mattia
Battipaglia (SA)
La torre sul Tusciano a Battipaglia
Battipaglia (SA)
L'Arenosola a Battipaglia
Battipaglia (SA)
Scavi in località S. Giovanni a Battipaglia
Battipaglia (SA)
Le ville romane della fascia costiera di Battipaglia
Battipaglia (SA)
La chiesa di Santa Lucia a Battipaglia
Battipaglia (SA)

Cerchi case?
Piu di 4.500.000 immobili!

GoHome.it immobili!

Comune di Battipaglia


napoli salerno avellino benevento caserta
Sardegna Sicilia Calabria Basilicata Campania Puglia Molise Abruzzo Lazio Umbria Marche Toscana Emilia Romagna Liguria Friuli Venezia Giulia Veneto Trentino Alto Adige Lombardia Piemonte Valle d'Aosta

categorie schede turistiche
a Battipaglia


Arte e cultura
Attrazioni


esecuzione in 0,125 sec.

Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK