La bassa e il Po

La bassa e il Po

luoghi di atmosfera e di buona cucina

La Bassa parmense, la fertile pianura che segue il corso del Po, è luogo di atmosfere magiche.
Come magico è il fiume che l’attraversa, da sempre punto di riferimento per queste terre e per i loro abitanti; placido ma anche imprevedibilmente feroce, gentile ma anche brutale, il Po riunisce in sé caratteristiche diverse, talvolta anche contrastanti: le stesse che permeano i melodrammi verdiani ma anche la gente - generosa e sanguigna -di queste zone.
Zone prevalentemente agricole, nelle quali le attività principali ruotano attorno alla lavorazione della terra e delle carni suine: il maiale qui è assoluto protagonista della tavola (dai cotechini alla spalla cotta, dai salami a “sua maestà” il Culatello di Zibello) e si affianca a una nutrita serie di altre delizie enogastronomiche.

Abbracciato dalle ovattate nebbie autunnali o fissato nel torrido sole dei mesi estivi, il paesaggio della Bassa ha il suo fascino maggiore in un’immobilità solo apparente. Esso è puntellato di tanti piccoli borghi ricchi di preziose testimonianze storico-artistiche: rocche che ospitarono i signori di un tempo (i Sanseverino a Colorno, i Sanvitale a Fontanellato, i Meli Lupi a Soragna, i Rossi a Roccabianca e a San Secondo e così via), antiche chiese, musei, collezioni le più diverse.

Colorno, con la meravigliosa reggia dove i duchi di Parma trascorrevano il tempo libero (oggi sede della Scuola Internazionale di Cucina Italiana - ALMA); Soragna, con la Rocca Meli Lupi; Fontanellato, con il castello che custodisce gli straordinari affreschi di Parmigianino nella sala di Diana e Atteone; Fontevivo, con l’imponente abbazia cistercense; San Secondo, con il castello dei Rossi; e poi Roccabianca, Sissa, Copermio e altro ancora.

Accanto al passato remoto c’è poi anche il passato prossimo: la Bassa è patria di Giovannino Guareschi (nativo di Fontanelle), il creatore di Don Camillo e Peppone che proprio qui ha ambientato il suo “mondo piccolo” (la Mostra antologica “Giovannino Guareschi”, voluta e realizzata dai figli, è a Roncole Verdi), ed è stata anche teatro di tanto cinema italiano; valga per tutti il nome di Bernardo Bertolucci, che girò Novecento proprio in una delle caratteristiche corti agricole di queste zone.

Le opportunità di visita e i motivi d’interesse sono innumerevoli (e spaziano dall’enogastronomia all’arte e alla natura), così come i modi per scoprire queste terre e il Po: dal viaggio organizzato in occasione di iniziative particolari (parecchie soprattutto quelle di carattere gastronomico) all’accoppiata bici-battello (proposta che in questi ultimi anni ha incontrato un notevole successo) o alla sola bicicletta, con la quale, percorrendo gli argini attraverso una pista ciclabile di circa 50 km attrezzata e segnalata, si può entrare davvero in sintonia con il “grande fiume”.

da www.turismo.parma.it

Schede correlate
La bassa parmense: Busseto
Busseto (PR)
Parma e la sua provincia
provincia di Parma
Le Terre del Magnifico - Busseto
Busseto (PR)
La via Francigena nel Parmense
provincia di Parma
Parchi nel Parmense
provincia di Parma
trekking nel Parmense
provincia di Parma
orienteering nel Parmense
provincia di Parma

rimini forli ravenna ferrara bologna modena reggio emilia parma piacenza
Sardegna Sicilia Calabria Basilicata Campania Puglia Molise Abruzzo Lazio Umbria Marche Toscana Emilia Romagna Liguria Friuli Venezia Giulia Veneto Trentino Alto Adige Lombardia Piemonte Valle d'Aosta



esecuzione in 0,078 sec.

Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK