L'artigianato genovese

L'artigianato genovese

persistono ancora maestri d’ascia e calafati

L’arte nel Tigullio è artigianato, ossia la capacità di produrre con maestria oggetti della vita quotidiana. I maestri d’ascia e i calafati sono ormai una rarità, ma qualcuno resiste ancora, producendo piccoli gioielli, o lavorando in grandi cantieri dove si restaurano yacht d’epoca. Nella lavorazione del legno sono molto attivi oggi come un secolo fa, i maestri di Chiavari; dai loro laboratori escono seggiole, costruite secondo la regola di Gaetano Descalzi “il Campanino”, che all’inizio dell’Ottocento cominciò a curvare il legno con il vapore e a modellarlo con il tornio. Le “tre archi” o le “parigine” sono i modelli più richiesti delle sedie, meglio conosciute come “campanino”. I pizzi macramè e al tombolo sono un’arte divenuta una rarità che si può ammirare presso il Museo del Pizzo di Rapallo. Zoagli è la patria dei velluti; come nel Cinquecento i telai in legno a mano rimasti costruiscono la trama di pochi e preziosi centimetri di stoffa. A Lorsica, in Val Fontanabuona, qualche famiglia intesse broccati e damaschi di seta sulla base di disegni antichi.

Schede correlate
Genova "La Superba"
provincia di Genova
Musei, Palazzi, Gallerie d'arte...
provincia di Genova

la spezia genova savona imperia
Sardegna Sicilia Calabria Basilicata Campania Puglia Molise Abruzzo Lazio Umbria Marche Toscana Emilia Romagna Liguria Friuli Venezia Giulia Veneto Trentino Alto Adige Lombardia Piemonte Valle d'Aosta



esecuzione in 0,203 sec.

Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK