Il sentiero dei Caserìn

Il sentiero dei Caserìn

escursioni nel Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi

Spettacolare traversata di alta quota che taglia la base delle pareti meridionali del Sass de Mura; l’itinerario si connette al sentiero dei Caserìn, dalla Val Canzòi, risalendo la Val Cimònega e rientrando al punto di partenza lungo la Val Alvìs.
Da Cesiomaggiore o da Feltre si raggiunge la frazione di Soranzèn, dalla quale si percorre la strada della Val Canzòi fino all’albergo Alpino; prima della salita parcheggiare.
Dall’albergo si sale alla sommità della diga, si segue la rotabile che costeggia il lago artificiale de La Stua e si attraversano due ponticelli. Poco prima di raggiungere la località al Fràssen, si abbandona la carrareccia e si imbocca il sentiero sulla destra: con una piccola deviazione si potranno ammirare delle ripide cascate, dalle quali, attraversando il greto del torrente, si raggiunge un caratteristico riparo, Cogòl Inantre le Egue. Si prosegue verso sinistra e si sale a zig-zag nel bosco: ad un bivio si presentano due sentieri, uno più facile, a destra, e uno più difficile, ma entrambi raggiungono la Casèra Cimònega; panorama incantevole!
In circa 40 minuti si raggiunge una splendida oasi, il Bivacco Feltre-Walter Bodo.
Si riprende il cammino dirigendosi verso ovest, lungo il ripido pendio che porta sulla sella del Col dei Bèc: qui ha inizio il sentiero dei Caserìn (segnavia 801). Si discende il ripido costone, aggirando una spalla rocciosa e da qui si riprende a salire, affrontando alcuni salti di roccia (passaggi attrezzati con corde metalliche), fino al Pass de Mura, dove termina il sentiero.
Dal passo si prosegue verso sud lungo la vecchia mulattiera che conduce al Passo Alvìs ed, in breve, si arriva alla conca di Nèva e al Rifugio Bruno Bòz.
Dal Passo Alvìs si scende velocemente verso est, lungo il segnavia 811 fino all’omonima malga, dominata dalla piramide del Col del Demonio: interessanti aspetti vegetazionali tipici dei prati aridi montani.
Il sentiero riprende sotto la malga fino al fondo valle. Si passa nei pressi delle Casère Faibòn e successivamente si incontra il lago artificiale de La Stua, dal quale si ritorna all’albergo Alpino.

© copyright Dolomiti.it

Schede correlate
L'elitaria Cortina d'Ampezzo
Cortina D'Ampezzo (BL)
Marmolada: Sci allo stato puro, ma non solo...
provincia di Belluno
Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi
provincia di Belluno
Il Rifugio Dal Piàz e la Busa delle Vétte
provincia di Belluno
Itinerari dell'Alto Adige: Alta Pusteria
provincia di Bolzano
Itinerari in Val di Fiemme
provincia di Trento
Laghetto Ziegelhutte
Sappada (BL)
Da Belluno a Dobbiaco in moto
provincia di Belluno
Vie ferrate in Marmolada
provincia di Belluno
Sentiero escursionistico Corrado De Bastiani
provincia di Belluno
Il Bivacco Palìa e il Monte Pizzòcco
provincia di Belluno
Rifugio Furio Bianchèt
provincia di Belluno
Rifugio 7° Alpini al Pis Pilòn
provincia di Belluno
Trekking sul Monte Zirvòi
provincia di Belluno
Rifugio Pian de Fontana
provincia di Belluno
Laghetti di Bain de Dones, di Limedes
Cortina D'Ampezzo (BL)
Dal Passo del Brennero a Riva del Garda
provincia di Bolzano

rovigo padova venezia treviso verona vicenza belluno
Sardegna Sicilia Calabria Basilicata Campania Puglia Molise Abruzzo Lazio Umbria Marche Toscana Emilia Romagna Liguria Friuli Venezia Giulia Veneto Trentino Alto Adige Lombardia Piemonte Valle d'Aosta



esecuzione in 0,171 sec.

Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK