Il Moro di Capitignano

Il Moro di Capitignano

leggenda locale

Ve’ lu ragne da Ragne Ragnine,
pè’ ‘cchiappà la mosca fine.
Lu signore s’è mpustate;
È signe che la mosch’ha ‘cciappate
C’era una regina vedova con due figli, ma dei figli non se ne curava una sbagliocca; perché amava un Moro. Tutto quello che faceva il Moro era ben fatto. I figli, insomma, erano tanti mazzi di scopa. È naturale dunque che i figli odiassero il Moro. Di fatto, pensarono di fargli la pelle mentre andava a caccia; e ci riuscirono, seppellendo il cadavere sette braccia sotto terra.

La regina, che non vedeva tornare il Moro, diede nelle smanie. Per averne qualche notizia, mandò in giro servi e servitori. I servi andarono anche al bosco; e là videro alcuni corvi che giravano intorno alla terra smossa. Scavarono e rinvennero il cadavere del Moro. La regina, in segreto modo, fece fare col cranio dell’ucciso una tazza coperta di oro e contornata di gemme; con le ossa delle cosce e delle gambe fece fare una sedia e con le ossa delle braccia una cornice di specchio. Poi fece uccidere chi aveva fatto la cornice dello specchio, la sedia e la tazza; e disse ai figli: - Per amore io bevo! Per amore io siedo! Per amore io mi specchio! Vi farò impiccare se, fra tre anni, non mi avrete spiegato perché faccio tutto questo per amore -.

I due fratelli si misero in viaggio; e, dovunque si fermavano, domandavano per sapere perché la loro madre beveva, sedeva e si specchiava per amore. Il fratello minore si allontanò più dell’altro. Entrò in un palazzo di re, dove non solo non gli spiegarono i tre atti oscuri, ma ce ne aggiunsero un quarto. Quel re interrogò il giovane: -Tu che giri il mondo, mi sapresti dire perché mia figlia non si marita, benché sia bella più di una fata? I partiti si sprecano; ma si scombinano tutti alla vigilia delle nozze. – Il giovane, che poteva rispondere? Fece un inchino a Sua Maestà e continuò il viaggio. Un altro re aggiunse un quinto detto oscuro: - Tu che giri il mondo, mi sapresti dire perché un albero del mio giardino mena tanti frutti che poi se ne cadono al principio della maturità? Io ho una gran voglia di assaggiarli; ma come si fa? A metterseli in bocca acerbi, sono amari quanto il veleno…- rispose il giovane: - Sarà la sorte mia: vado per cercare grazia e trovo giustizia! –

Questa volta il giovane aveva presa la via più remota. Era entrato in un deserto. In mezzo, si vedeva un palazzo che non posava per terra; e si muoveva a ogni soffio di vento. Andò là, e bussò al portone. Una giovanetta aprì: - Che volete? – Vado cercando chi mi spieghi perché mia madre beve, siede e si specchia per amore. E poi anche, perché il matrimonio della figlia di un re si sconchiude sempre il giorno innanzi delle nozze? E ancora: perché in un albero cadono sempre i frutti, prima che si maturino?- La giovanetta rispose: - Sei capitato male; perché questa è la casa del mago che mangia carne umana. Se torna, e ti vede, ti s’inghiotte. Vattene dunque. – Ma io ti dico invece che questa è la casa della mia fortuna. Il mago mi spiegherà tutto, se tu mi aiuterai. – Io? – riprese l’altra; - io ci posso provare…- Quella giovanetta era la sposa del mago. Disse al giovane: - Sai che hai da fare? Nasconditi dentro l’arca e stai a sentire il discorso che faremo io e il mago.-

Venne il mago; e, per non fargli sentire l’odore della carne umana, la sposa gli presentò un fiasco di vino. Tira e tira, il fiasco rimase asciutto e il mago si ubriacò. Tra veglia e sonno, il mago parlava. La giovanetta lo interrogò: - Sposo mio, dimmi perché una regina vedova beve, siede e si specchia per amore? – Il mago svelò i tre segreti. Poi la giovanetta si fece spiegare gli altri due detti oscuri.

Il giovane sentì ogni cosa, lasciò una borsa d’oro dentro l’arca e se ne fuggì, prima che il mago si svegliasse. Ripassando dove stava il re dell’albero che non maturava i frutti, gli disse: - Scava sotto l’albero. Ci troverai quattro casse: tre piene di monete e una con un morto. Fa’ seppellire il morto in un luogo sacro e il denaro sia metà per te e metà per i poveri.- Il re fece tutto questo; e così poté assaggiare i frutti maturi che erano come una manna. All’altro re, il giovane disse: - tua figlia non si marita, perché se n’è innamorato un paggio; e il paggio mette male agli sposi che ci capitano. – Il re fece uccidere il paggio e diede la figlia al giovane che gli aveva scoperta la magagna.

Stavano per terminare i tre anni, quando il giovane e la sposa si avviarono verso il paese della regina vedova. Giunsero al paese nell’ultimo giorno dei tre anni fatali. Il giovane fece nascondere la sposa; e poi si presentò alla madre, dicendo che non si fidava di spiegare quelle tre cose d’amore. Non si fidò di spiegarle neanche il fratello, che pure era tornato. La regina vedova conchiuse: - Dunque andate, andate; andate alla forca! – e fece preparare la forca in piazza. Mentre i due giovani salivano il patibolo, la gente si affollò intorno e gridava: - Grazia! Grazia! – la regina vedova rispondeva: - Se vogliono la grazia, devono dirmi perché io bevo per amore, siedo per amore e mi specchio per amore. – Il figlio minore, quello che era stato alla casa che si manteneva per aria, fece cenno al popolo che voleva parlare.

Allora ci fu un silenzio perfetto. Il giovane, a voce alta, raccontò gli amori della regina madre, l’uccisione del Moro e svelò il segreto delle ossa del Moro. Il popolo si ribellò alla regina vedova; e diceva: - Morte alla regina! Morte alla regina! – Il fratello minore rispose al popolo: - Grazia a mia madre che non è più regina. La regina è la mia sposa. – Fece venire la sposa e la presentò al popolo. Tutti gridavano: -Viva! Viva! – La regina vedova se ne ritornò alla casa paterna.

Bona sere, bona strate,
Ogni passe, ‘na cascate!
Quanne arrive a lu purtone,
Uoglie sante e communione!

da www.comune.capitignano.aq.it

Schede correlate
Il Manto Reale
Capitignano (AQ)
Il pane di San Nicola
Capitignano (AQ)
Usanze a Capitignano
Capitignano (AQ)
Breviario storico di Capitignano
Capitignano (AQ)
Itinerari a Capitignano
Capitignano (AQ)
Il 2 novembre a Capitignano
Capitignano (AQ)

Cerchi case?
Piu di 4.500.000 immobili!

GoHome.it immobili!

Comune di Capitignano


pescara chieti l'aquila teramo
Sardegna Sicilia Calabria Basilicata Campania Puglia Molise Abruzzo Lazio Umbria Marche Toscana Emilia Romagna Liguria Friuli Venezia Giulia Veneto Trentino Alto Adige Lombardia Piemonte Valle d'Aosta



esecuzione in 0,171 sec.

Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK