Il Giardino dei Semplici a Firenze

Il Giardino dei Semplici a Firenze

il cardinale Gian Carlo dè Medici vi teneva feste notturne

L'orto botanico di Firenze fu fondato nel 1545 e copre una superficie di circa 2 ettari e mezzo con alberi ad alto fusto e specie erbacee nelle aiuole del giardino detto dei semplici, cioè delle piante medicinali. Nel 1800 era luogo di ritrovo cittadino, il primo custode, o Semplicista, fu Luca Ghini cui seguirono Cesalpino, Micheli, mentre il cardinale Gian Carlo de' Medici vi teneva feste notturne. Nel 1753 passò all'Accademia dei Georgofili e fu rinnovato con lo sciagurato taglio di alto fusti, da Ottaviano Targioni Tozzetti. Le piante erbacee sono coltivate prevalentemente in vaso, sia in serra che all'aperto; le serre calde sono dotate di riscaldamento autonomo e controllato, e in alcune è allestito un fitotrone: con questo apparecchio costituito da una serie di camere ad aria condizionata sono riprodotti artificialmente climi e situazioni meteorologiche diverse per lo studio e la sperimentazione botanica. Le collezioni sono incrementate ogni anno con nuove specie e gli esemplari vecchi sono rinnovati; le missioni organizzate nei luoghi di origine, sia in Italia che all'estero, sono una delle attività principali dei ricercatori e tecnici che lavorano all'Orto. Spesso sono anche richiesti agli altri Orti Botanici, i semi di piante su cui fare ricerca dal vivo. Ogni pianta è stata inserita in un elenco numerato con il nome scientifico della specie, il taxon di appartenenza (tipo, famiglia, genere), la distribuzione geografica, la provenienza e il fornitore o, nel caso del prelievo in natura, la località di raccolta e il nome del raccoglitore. Questi dati costituiscono una preziosa documentazione valida anche a distanza di tempo. Il catalogo è computerizzato per un più semplice e veloce lavoro di ricerca. Oltre alla conservazione che assume particolare importanza nel quadro delle piante in via di estinzione, scopo fondamentale dell'Orto Botanico è la funzione didattico-educativa rivolta agli studenti universitari ed estesa alle scuole medie e superiori per permettere la conoscenza e la salvaguardia della flora. L'Orto Botanico organizza itinerari guidati per tutti coloro che ne facciano richiesta e per facilitare la visita sono state pubblicate delle guide che sono in vendita presso la portineria. Con la distruzione di habitat particolari e i cambiamenti climatici dovuti all'inquinamento, più di 1/4 di tutte le specie vegetali presenti sul pianeta potrebbero scomparire. Gli Orti Botanici e gli Arboreti sono i capisaldi della conservazione delle piante; circa 1/3 di tutte le specie conosciute sono coltivate oggi in queste strutture. La salvaguardia della flora e della natura tutta è affidata alla coscienza delle generazioni future magari istruite e sensibilizzate all'interno di uno di questi spazi verdi, veri musei viventi.

Oltre al maestoso e antico Taxus baccata, velenoso e dioico, sono di rimarchevole importanza: l'esemplare di Quercussuber di dimensioni eccezionali, con tronco avvolto da un mantello di sughero di notevole spessore; la Metasequoia glyptostroboides, scoperta in uno degli ultimi esemplari viventi in Cina nel 1941 e oggi considerata un fossile vivente; Ginkgobiloba, l'unica specie rimasta delle Ginkgoaceae, con foglie caduche dalla singolare forma a ventaglio, pianta dioica che nel Giardino dei Semplici è presente sia nella forma maschile che femminile. Altri alberi meta di studiosi e visitatori da tutto il mondo sono: il cipresso calvo (Taxodium distichum) originario degli Stati Uniti sud-orientali, che vive in ambienti paludosi con radici superficiali e particolari strutture dette pneumatofori che trasportano l'aria alle radici sommerse; Zelkova serrata, nativa del Giappone e della Corea, che può raggiungere i 35 metri di altezza e apprezzata per il legno utilizzato in ebanisteria e la colorazione autunnale delle foglie.

Biglietto: Ingresso gratuito
Orario ingresso:
lunedì, mercoledì, venerdì e sabato ore 9 - 12
Solo scolaresche: martedì, mercoledì e giovedì

via P. A. Micheli
tel. 055 2757402

Schede correlate
Firenze: la città
Firenze (FI)
Musei Comunali a Firenze
Firenze (FI)
Palazzo Vecchio
Firenze (FI)
Santa Maria Novella
Firenze (FI)
Galleria Rinaldo Carnielo
Firenze (FI)
Galleria Corso Tintori Arte
Firenze (FI)
Parco di Villa Vogel
Firenze (FI)
Galleria Palatina - Palazzo Pitti
Firenze (FI)
Centro d'Arte Spaziotempo
Firenze (FI)
Spazio Espositivo di Santa Verdiana
Firenze (FI)
La Corte Arte Contemporanea
Firenze (FI)
Il Genio di Leonardo
Firenze (FI)
Galleria Editoria Stamperia d'Arte Il Ponte
Firenze (FI)
Daniele Ugolini Contemporary
Firenze (FI)
Parco Mediceo di Pratolino Villa Demidoff
Firenze (FI)
Museo di San Marco
Firenze (FI)
Giardino delle Rose
Firenze (FI)
Giardino di Palazzo Corsini sul Prato
Firenze (FI)
SpazioFoto Credito Artigiano
Firenze (FI)

Cerchi case?
Piu di 4.500.000 immobili!

GoHome.it immobili!

Comune di Firenze


pisa livorno grosseto siena arezzo firenze prato pistoia lucca massa
Sardegna Sicilia Calabria Basilicata Campania Puglia Molise Abruzzo Lazio Umbria Marche Toscana Emilia Romagna Liguria Friuli Venezia Giulia Veneto Trentino Alto Adige Lombardia Piemonte Valle d'Aosta



esecuzione in 0,171 sec.

Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK