Il castello di Castelsardo

Il castello di Castelsardo

domina dall'alto e ospita il Museo dell'Intreccio

Nucleo originario della città fortificata, la fortezza è tutt'oggi racchiusa dalle originarie mura. A unico accesso da terra, così come in passato, sono visibili i cardini della porta che permetteva l'accesso alla città. Il castello si trova sul punto più alto della collina. A est si affacciano i bastioni Bellavista, a nord il Bastione Manganella e a sud est la Loggetta; nella cala di Lu Grannaddu esisteva l'accesso dal mare consentendo l'afflusso dei rifornimenti da Genova anche durante i periodi di assedio della città. Le abitazioni attorno al castello nacquero disposte a scacchiera e le vie, chiamate "carruggi" negli statuti di Castel Genovese, furono pavimentate in pietra locale. Qui, ancora oggi, nelle belle giornate, le donne del posto si siedono per intrecciare cestini, creando un immagine davvero suggestiva per il turista. Anticamente queste vie si trasformavano in occasione delle festività del Maggio castellanese in piste da ballo, con finestre colorate da fiori e tanta allegria. Nel 1512 la struttura del castello fu rinforzata e alla cinta muraria vennero aggiunti lo sperone e la Loggetta. Il Castello oggi è sede del Museo dell'Intreccio, ma precedentemente ospitava la caserma dei carabinieri, fatto per cui la stradina che accede all'edificio si chiama Sottu la polta, proprio perchè sopra vi era la postazione militare a controllo della costa. I locali del Monte Granatico sono divenuti sala congressi (sala XI), mentre le stanze adiacenti al Museo ospitano mostre di pittura. La parte più alta del castello è uno straordinario punto panoramico permettendo allo sguardo di abbracciare la visione che va dall'Asinara alla Corsica, da S. Teresa al Monte Limbara, alla Gallura e Porto Torres. Nella via Mazzini, la Casa Comunale in stile gotico; proseguendo il Seminario (1760) con un piccolo campanile a vela; la chiesa del Purgatorio e la cattedrale di S. Antonio Abate. Al centro del paese è la chiesa di S. Maria delle Grazie, costruita in epoca medievale e trasformata nel Seicento; al suo interno il trecentesco crocifisso del Cristo Nero.

Schede correlate
Castelsardo, capitale dell’Anglona
Castelsardo (SS)
Cattedrale di S. Antonio Abate a Castelsardo
Castelsardo (SS)
Giovanni Cau
Castelsardo (SS)
La roccia dell’elefante a Castelsardo
Castelsardo (SS)
L'Anglona e l’arte dell’intreccio
provincia di Sassari
Spiagge e calette a Castelsardo
Castelsardo (SS)
Tradizioni a Castelsardo: Lu Scravamentu
Castelsardo (SS)
Tradizioni a Castelsardo: Lunissanti
Castelsardo (SS)

Cerchi case?
Piu di 4.500.000 immobili!

GoHome.it immobili!

Comune di Castelsardo


Mappa Sardegna Cagliari Carbonia - Iglesias Medio Campidano Ogliastra Oristano Nuoro Olbia - Tempio Sassari
Sardegna Sicilia Calabria Basilicata Campania Puglia Molise Abruzzo Lazio Umbria Marche Toscana Emilia Romagna Liguria Friuli Venezia Giulia Veneto Trentino Alto Adige Lombardia Piemonte Valle d'Aosta



esecuzione in 0,171 sec.

Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK