Gaetano Donizetti

Gaetano Donizetti

Bergamo, Musicista, artista, cantate, quartetti, quintetti, composizioni sacre, liriche da camera, oratori

Bergamo (1797-1848)
Uno dei maggiori operisti italiani del primo Ottocento e il maggiore precursore del dramma musicale di Verdi. Appartentente a una famiglia poverissima, fu accolto all’età di nove anni nella Scuola Caritatevole di Musica di Bergamo, diretta da Simone Mayr, al quale rimase legato tutta la vita; si perfezionò in seguito con il Mattei al Liceo Filarmonico di Bologna. La rappresentazione di Enrico di Borgogna (Venezia 1818) segnò il suo esordio teatrale, seguita dal Falegname di Livonia; ma solo con Zoraide di Granata (Roma 1822) ottenne successo di pubblico e di critica. Firmato nel 1827 un buon contratto con l’impresario Domenico Barbaya, si stabilì a Napoli e compose una dozzina di opere in soli tre anni. Giunse quindi al grande successo di Anna Bolena (1830) e dell’Elisir d’Amore (1832). Nel 1829 era stato nominato direttore dei Teatri Reali di Napoli, nel 1834 accettò la cattedra di composizione al Conservatorio della stessa città, e a Napoli, nel 1835, fece rappresentare la Lucia di Lammermoor; ma colpito da una serie di disgrazie familiari dopo solo tre anni interruppe ogni sua attività in Italia. Recatosi a Parigi vi fece rappresentare Les Martyrs (1840), La Favorita (1840), nel 1841 vi compose Rita ou le Mari Battu (portata in scena a Parigi nel 1860), Don Pasquale (1843), e Don Sebastiano del Portogallo del 1843. Fu poi di frequente a Vienna dove ricevette l’ambita nomina di maestro di Cappella di Corte (1842). A Vienna, nello stesso anno, rappresentò Linda di Chamounix e, nel 1843, Maria di Rohanna e il Conte di Chalais. Ma la sua salute, già gravemente compromessa, peggiorò sempre di più. Poche ed incerte notizie si hanno degli ultimi anni della sua vita: fu internato nel manicomio di Ivry-sur-Seine nel 1846 e nel 1847, trasportato a Bergamo, fu accolto dai baroni Basoni Scotti, che lo assistettero fino alla morte, sopravvenuta pochi mesi dopo. La vasta produzione musicale del Donizetti, oltre a 73 melodrammi, comprende 28 cantate, 19 quartetti, 3 quintetti, 13 sinfonie e ancora 115 composizioni sacre, molte liriche da camera e oratori.

lecco como sondrio bergamo brescia mantova cremona lodi pavia milano varese
Sardegna Sicilia Calabria Basilicata Campania Puglia Molise Abruzzo Lazio Umbria Marche Toscana Emilia Romagna Liguria Friuli Venezia Giulia Veneto Trentino Alto Adige Lombardia Piemonte Valle d'Aosta



esecuzione in 0,078 sec.

Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK