Evaristo Baschenis

Evaristo Baschenis

Bergamo, pittore, dipinti, pittura lombarda

Nato a Bergamo il 7 dicembre 1617, figlio di un Simone mercante (ma i Baschenis di Averara furono pittori nel ‘400 e nel ‘500), si dedicò alla pittura dagli anni ’40: alla sua condizione ecclesiastica (1643) si deve il soprannome di Prevarisco con cui è noto dal 1647. Residente in Borgo San Leonardo, si applicò in modo esclusivo al genere della Natura morta, Cucine e soprattutto Strumenti musicali: musicista egli stesso, come risulta dal suo Autoritratto nel Trittico Agliardi, fu originale creatore di una nuova iconografia, presentando gli strumenti con filologica “verità” e straordinario illusionismo plastico-tattile entro sofisticate definizioni spaziali di rigorosa logica compositiva: recenti scoperte archivistiche hanno chiarito i modi di operare della sua bottega e le sue relazioni con artisti “forestieri” attivi a Bergamo a metà ‘600 (Borgognone, Keilhau, Montaigne, Storer, Tencalla, Barbello, Pozzo). Apprezzato a Bergamo ma anche a Venezia, Roma, Firenze e Milano, da una committenza aristocratica interessata alla musica oltre che alla pittura, già in vita ebbe imitatori e copisti che ne divulgarono i modelli fin quasi alle soglie del XIX secolo. Morì a Bergamo il 16 marzo 1677, lasciando eredi i poveri del Pio Luogo del Soccorso.


lecco como sondrio bergamo brescia mantova cremona lodi pavia milano varese
Sardegna Sicilia Calabria Basilicata Campania Puglia Molise Abruzzo Lazio Umbria Marche Toscana Emilia Romagna Liguria Friuli Venezia Giulia Veneto Trentino Alto Adige Lombardia Piemonte Valle d'Aosta



esecuzione in 0,093 sec.

Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK