Don Ferdinando di Borbone

Don Ferdinando di Borbone

tra i migliori duchi di Parma e Piacenza

Successe al padre don Filippo nel 1765 e fu dichiarato maggiorenne a soli 14 anni. Per lui resse lo Stato il potente ministro Du Tillot. Nel 1769 Ferdinando sposò una delle figlie di Maria Teresa, Maria Amalia, la quale in seguito convinse il consorte di licenziare Du Tillot. Intanto la Rivoluzione che stava accadendo in Francia facevano avvertire sia a Parmigiani che a Piacentini l'arrivo di Napoleone. Le truppe francesi arrivarono nel ducato nel 1796. Don Ferdinando si affrettò a concordare un armistizio dando in mano ai fancesi il ducato. Per anni i territori ducali furono razziati da molti eserciti, e don Ferdinando cercò fino alla morte di alleviare le sofferenze della popolazione, dimostrandosi tra i migliori duchi di Parma e Piacenza.

Schede correlate
Paolo III
Piacenza (PC)
Pier Luigi Farnese
Piacenza (PC)
Carlo V di Spagna
Piacenza (PC)
Ottavio Farnese
Piacenza (PC)
Alessandro Farnese
Piacenza (PC)
Ranuccio Farnese
Piacenza (PC)
Odoardo Farnese
Piacenza (PC)
Ranuccio Farnese II
Piacenza (PC)
Francesco I
Piacenza (PC)
Antonio Farnese
Piacenza (PC)
Don Carlo di Borbone
Piacenza (PC)
Carlo VI
Piacenza (PC)
Maria Teresa
Piacenza (PC)
Don Filippo di Borbone
Piacenza (PC)
Napoleone
Piacenza (PC)
Maria Luigia
Piacenza (PC)

Cerchi case?
Piu di 4.500.000 immobili!

GoHome.it immobili!

don Ferdinando di Borbone
don Ferdinando di Borbone

Comune di Piacenza


rimini forli ravenna ferrara bologna modena reggio emilia parma piacenza
Sardegna Sicilia Calabria Basilicata Campania Puglia Molise Abruzzo Lazio Umbria Marche Toscana Emilia Romagna Liguria Friuli Venezia Giulia Veneto Trentino Alto Adige Lombardia Piemonte Valle d'Aosta



esecuzione in 0,125 sec.

Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK