da visitare a Positano

da visitare a Positano

Collegiata di S. Maria Assunta, Palazzo Murat, Grotta La Porta

Collegiata di S. Maria Assunta (Parrocchiale o Chiesa Madre), nella piccola piazza Flavio Gioia. Originariamente ad unica navata, risale al 1200 e ha forma di croce greca, adornata con pregiati marmi di granito d’Egitto e ragguardevoli mosaici che decorano tutto il pavimento (1889). Nel 1777 fu restaurata e ampliata con l’aggiunta delle due navate laterali. Sull’altare maggiore domina una bellissima icona bizantina (2 x 1,40 m) con aureola in altorilievo della Madonna Nera col Bambino in grembo (XIII sec.). Secondo la tradizione popolare, l'origine del nome del paese è legata proprio a quest'icona: razziata dai Saraceni, la preziosa tavola fu riportata a terra in seguito ad una tempesta, mentre dalla riva si udiva il prodigioso grido "posa, posa". Restituito il maltolto il mare si placò; in quel luogo fu allora costruita una chiesa in onore della Vergine e attorno sorse il paese, che prese il nome di Positano. Si conservano tra l’altro una “Circoncisione” opera di Fabrizio Santafede (1599) ed una statua della Madonna scolpita su legno. Bellissima la cupola maiolicata. Di grande interesse il campanile, che presenta un bassorilievo medioevale raffigurante un mostro marino, alcuni pesci e una volpe, probabilmente a sottolineare la doppia anima degli abitanti della costa, per metà contadini, per metà marinai.
Chiesa di S. Maria delle Grazie (Chiesa Nuova). Sorge sul culmine del paese ed è detta “nuova” perché rinnovata nel secolo scorso in tutte le sue parti, abbandonando il suo nome originario di chiesa del SS. Sacramento. È moderna ed ornata di pitture. Ai fianchi dell’altare maggiore vi sono due nicchie che ospitano la statua della Madonna delle Grazie e quella del Cuore di Gesù, entrambe in legno. Il pavimento in mattoni colorati. Il campanile, a tre piani, è sormontato da una cupola a forma di guglia.

Palazzo Murat
Gioacchino Murat, cognato di Napoleone Bonaparte, diventato re di Napoli nel 1808, fu conquistato dalla straordinaria bellezza di Positano e scelse come sua dimora estiva questo antico palazzo del XVIII secolo in stile barocco napoletano di scuola vanvitelliana, situato nel cuore della cittadina. Il restauro del palazzo, oggi adibito ad albergo, ne ha esaltato le antiche strutture e gli alloggi dell’epoca.

Grotta La Porta
Situata nelle vicinanze dell’abitato, a 200 mt. sotto la statale 163 Amalfitana, è quanto rimane di un’antica caverna, originariamente molto ampia. Gli scavi hanno portato alla luce reperti del Paleolitico superiore e del Mesolitico. L’accesso, libero, è solo dal mare.

Schede correlate
Costa Amalfitana
provincia di Salerno
Moda Positano
Positano (SA)
Positano
Positano (SA)
Itinerari in Positano
Positano (SA)
Manifestazioni a Positano
Positano (SA)
Moda Positano
Positano (SA)

Cerchi case?
Piu di 4.500.000 immobili!

GoHome.it immobili!

Comune di Positano


napoli salerno avellino benevento caserta
Sardegna Sicilia Calabria Basilicata Campania Puglia Molise Abruzzo Lazio Umbria Marche Toscana Emilia Romagna Liguria Friuli Venezia Giulia Veneto Trentino Alto Adige Lombardia Piemonte Valle d'Aosta



esecuzione in 0,093 sec.

Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK