Costumi e tradizioni in Emilia Romagna

Google
 
Trovate 45 Costumi e tradizioni in Emilia Romagna - Pagina 1 di 5
Tradizioni del Carnevale di Castelnovo di Sotto (scheda: 4531) Tradizioni del Carnevale di Castelnovo di Sotto
storia dei costumi
categoria: :.Costumi e tradizioni
Nel periodo dell’anno che precede immediatamente la primavera, a cominciare dal giorno di sant’Antonio Abate, fino alla vigilia del primo giorno di Quaresima, mentre la neve comincia a sciogliersi, ma il tempo resta incerto, il mondo sembra impazzire
Carnevale a Castelnovo di Sotto (scheda: 4532) Carnevale a Castelnovo di Sotto
breve storia: i primi carri
categoria: :.Costumi e tradizioni
Il 28 febbraio 1842 una lettera del Delegato al Governo della città di Reggio comunicava al Podestà di Castelnovo di Sotto che, in occasione delle nozze del Principe ereditario (il futuro Francesco v) con Aldegonda di Baviera e della successiva visit
Sabato santo (scheda: 3695) Sabato santo
tradizioni piacentine
categoria: :.Costumi e tradizioni :.Tradizioni
In tutto il piacentino al sabato santo, quando si slegavano le campane, vi era la consuetudine di bagnarsi gli occhi “per allontanare i malanni". Un altro uso legato allo scioglimento delle campane era quello che i bambini abbracciassero i tronchi de
Il tesoro di Rosola Il tesoro di Rosola
realtà o fantasia a Guiglia nel modenese
categoria: :.Costumi e tradizioni :.Racconti e leggende
Era l'estate del 1841 e un operaio di Rosola (di cui non si conosce il nome) stava effettuando alcuni lavori agricoli, sul terreno della parrocchia del paese. Figurarsi il suo stupore quando la zappa cozzò un vasetto di terracotta, dentro il quale si
Le crescentine di Pavullo nel Frignano Le crescentine di Pavullo nel Frignano
cucina, cori e canti popolari e dialettali
categoria: :.Costumi e tradizioni :.Tradizioni
La prima tradizione legata al paese è quella delle crescentine, il più tipico dei piatti frignanesi. Durante i mesi estivi vengono poi organizzate in tutte le frazioni numerose sagre paesane in onore dei Santi patroni delle chiese parrocchiali. Il Gr
leggende parmensi: Donna Cinerina (scheda: 3195) leggende parmensi: Donna Cinerina
... presagio di sventura
categoria: :.Costumi e tradizioni :.Racconti e leggende
La Rocca di Soragna si dice sia abitata dallo spettro di Donna Cinerina, al secolo Cassandra Marinoni, sposa del marchese Diofebo II Meli Lupi. Nell'anno del Signore 1573, Cassandra venne barbaramente assassinata insieme alla sorella Lucrezia, dal
leggende parmensi: Duchessa murata viva (scheda: 3196) leggende parmensi: Duchessa murata viva
... vaga ancora alla ricerca dell'amore
categoria: :.Costumi e tradizioni :.Racconti e leggende
Il Castello di Torrechiara fu il coronamento di un idillio romantico, quello tra Pier Maria Rossi e l'amante Bianca Pellegrini. La testimonianza di questo amore è la "Camera d'oro", stanza da letto dei due amanti, uno dei più begli esempi di camera
leggende parmensi: Fata Bema (scheda: 3197) leggende parmensi: Fata Bema
... un gentile fantasma per le giovani spose
categoria: :.Costumi e tradizioni :.Racconti e leggende
Ma non è solo il suo nome che si lega ai presagi, più o meno sinistri, del futuro. La fata Bema di Montechiarugolo ha segnato il proprio destino esattamente così. Arrivata per la prima volta a Montechiarugolo nel 1593, durante una visita che R
leggende parmensi: Il ritorno dei guerrieri (scheda: 3198) leggende parmensi: Il ritorno dei guerrieri
... all'assalto della roccaforte medioevale
categoria: :.Costumi e tradizioni :.Racconti e leggende
Nei pressi di Noceto, si possono ancora trovare i ruderi di un'antica fortezza del medioevo che venne distrutta sia dagli attacchi nemici nel corso del tempo che, definitivamente, dalla Seconda Guerra Mondiale. Oggi la gente del paese la ricorda com
leggende parmensi: Salti del Diavolo (scheda: 3199) leggende parmensi: Salti del Diavolo
una fantastica leggenda medioevale
categoria: :.Costumi e tradizioni :.Racconti e leggende
L'autunno, che colora di giallo e rosso i faggi e i castagni, e' uno dei periodi migliori per ammirare le guglie rocciose e torrioni arenacei detti "Salti del Diavolo" la cui formazione risale a duecento milioni di anni fa. I "Salti del Diavolo" si
[1]  [2]  [3]  [4]  [5] 

rimini forli ravenna ferrara bologna modena reggio emilia parma piacenza
Sardegna Sicilia Calabria Basilicata Campania Puglia Molise Abruzzo Lazio Umbria Marche Toscana Emilia Romagna Liguria Friuli Venezia Giulia Veneto Trentino Alto Adige Lombardia Piemonte Valle d'Aosta
Costumi e tradizioni
Tradizioni
Racconti e leggende



esecuzione in 0,375 sec.

Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK