Conoscere Roma: Santa Maria Antiqua

Conoscere Roma: Santa Maria Antiqua

visita al Foro Romano

Breve nota: posizionato su un terreno di origine paludosa ma in seguito prosciugato, e situato fra il Palatino e il Campidoglio (due dei sette colli
di Roma), il Foro Romano vide le sue prime costruzioni intorno al VII sec. a.C. quando venne dato l'avvio all'edificazione di edifici adibiti alla vita
politica, giudiziaria, religiosa, commerciale e soprattutto sociale della città. Il recupero e restauro degli antichi edifici è stato avviato dal XVIII sec. e fino ad oggi continuano ad emergere nuovi reperti e resti di antiche costruzioni.

S. Maria Antiqua

Situati alle spalle del Tempio dei Castori, vi sono i ruderi del Vestibolo dei Palazzi imperiali formato da un atrio (al centro del quale era situata una vasca rettangolare dell'epoca di Caligola oggi rinterrata ma segnata sul pavimento) e da una sala con quadriportico e dotata di tre stanze sul fondo. Verso la fine del VI secolo, quest'ultima parte venne trasformata e adattata a chiesa cristiana dedicata a Maria (la denominazione Antiqua verrà data quando sarà costruita la chiesa di S. Maria Nuova in seguito chiamata Santa Francesca Romana dove era situato il Tempio di Venere).Il portico venne trasformato in nartece sul davanti e in navate sui lati, mentre l'abside venne aperto scavando lo spesso muro situato sul fondo. All'interno rimangono stupendi affreschi databili tra il VI e il IX secolo: nella navata sinistra vi sono affreschi che riprendono storie del Vecchio Testamento e una teoria di Santi e dottori della Chiesa d'Oriente e d'Occidente ai lati del Cristo sul trono che benedice; nella navata sinistra dovevano esserci affreschi che riprendevano storie da Nuovo Testamento. La cappella situata sul fondo della navata sinistra presenta affreschi riguardanti la vita di Giuditta e del figlio Quirico insieme alla figura con nimbo quadrato (segno dell'esistenza in vita della persona) di Papa Zaccaria (741-752 d.C.) committente degli affreschi. Nell'abside sono state trovate tracce di più strati di affreschi posizionati l'uno sull'altro. Nello strato superiore sono visibili ancora due cherubini e il Cristo al quale la Vergine presenta un pontefice identificato come Paolo I (757-765 d.C.).Al centro della navata vi è il recinto della schola canthorum che conserva tracce di pitture con figure e scene tratte dal Vecchio Testamento. La chiesa non venne più utilizzata a partire dal IX secolo (probabilmente continuò ad avere in loco una comunità di monaci) a causa dei continui crolli di materiali provenienti dai sovrastanti edifici del Palatino.

Schede correlate
Conoscere Roma: Clivo Capitolino
Roma (RM)
Conoscere Roma: Clivus Argentarium
Roma (RM)
Fori Imperiali
Roma (RM)
in giro per Roma: Foro Romano e Fori Imperiali
Roma (RM)
Conoscere Roma: Abitazione Privata
Roma (RM)
Conoscere Roma: Rostra Vandalica
Roma (RM)
Conoscere Roma: Rostri Imperiali
Roma (RM)
Conoscere Roma: Ara di Saturno
Roma (RM)
Conoscere Roma: Ficus, Olea, Vitis
Roma (RM)
Conoscere Roma: Aula in Opera Laterizia
Roma (RM)
Conoscere Roma: Horrea Agrippiana
Roma (RM)
Conoscere Roma: Lacus Iuturnae
Roma (RM)
Conoscere Roma: Tempio di Vesta
Roma (RM)

Cerchi case?
Piu di 4.500.000 immobili!

GoHome.it immobili!

Roma antica: Santa Maria Antiqua
Roma antica: Santa Maria Antiqua

Comune di Roma


latina frosinone roma rieti viterbo
Sardegna Sicilia Calabria Basilicata Campania Puglia Molise Abruzzo Lazio Umbria Marche Toscana Emilia Romagna Liguria Friuli Venezia Giulia Veneto Trentino Alto Adige Lombardia Piemonte Valle d'Aosta



esecuzione in 0,109 sec.

Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK