Conoscere Roma: Sacello di Venere

Conoscere Roma: Sacello di Venere

visita al Foro Romano

Breve nota: posizionato su un terreno di origine paludosa ma in seguito prosciugato, e situato fra il Palatino e il Campidoglio (due dei sette colli
di Roma), il Foro Romano vide le sue prime costruzioni intorno al VII sec. a.C. quando venne dato l'avvio all'edificazione di edifici adibiti alla vita
politica, giudiziaria, religiosa, commerciale e soprattutto sociale della città. Il recupero e restauro degli antichi edifici è stato avviato dal XVIII sec. e fino ad oggi continuano ad emergere nuovi reperti e resti di antiche costruzioni.

Sacello di Venere

Situato a fianco della Basilica Emilia, dal lato della via Sacra, si trova un recinto di marmo appartenente a una piccola costruzione circolare identificata come il Sacello di Venere Cloacina. La piccola iscrizione moderna (visibile anche nell'immagine a fianco) ricorda un fatto molto probabilmente leggendario avvenuto presso questo monumento: qui sembra che il centurione Virginio abbia ucciso sua figlia per salvarne l'onore minacciato dal decemviro Appio Claudio.

Schede correlate
Conoscere Roma: Sacello di Bacco
Roma (RM)
Conoscere Roma: Abitazione Privata
Roma (RM)

Cerchi case?
Piu di 4.500.000 immobili!

GoHome.it immobili!

Roma archelogica: Sacello di Venere
Roma archelogica: Sacello di Venere

Comune di Roma


latina frosinone roma rieti viterbo
Sardegna Sicilia Calabria Basilicata Campania Puglia Molise Abruzzo Lazio Umbria Marche Toscana Emilia Romagna Liguria Friuli Venezia Giulia Veneto Trentino Alto Adige Lombardia Piemonte Valle d'Aosta



esecuzione in 0,140 sec.

Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK