Conoscere Roma: Lacus Iuturnae

Conoscere Roma: Lacus Iuturnae

visita al Foro Romano

Breve nota: posizionato su un terreno di origine paludosa ma in seguito prosciugato, e situato fra il Palatino e il Campidoglio (due dei sette colli
di Roma), il Foro Romano vide le sue prime costruzioni intorno al VII sec. a.C. quando venne dato l'avvio all'edificazione di edifici adibiti alla vita
politica, giudiziaria, religiosa, commerciale e soprattutto sociale della città. Il recupero e restauro degli antichi edifici è stato avviato dal XVIII sec. e fino ad oggi continuano ad emergere nuovi reperti e resti di antiche costruzioni.

Lacus Iuturnae

Situata nei pressi del Tempio dei Castori, l'area venne dedicata alla ninfa Giuturna, sorella del leggendario re Turno, per la sorgente che vi si trovava e che venne identificata con la ninfa stessa. Le acque della sorgente venivano raccolte nel bacino ancora ben conservato che venne ricostruito verso la fine del II secolo a.C. Tale bacino è rivestito in marmo, copertura risalente all'età traianea, ed è di forma quasi quadrata. Al centro ha un basamento sul quale si trovavano le due statue dei Dioscuri, databili per la fine del II secolo a.C. (periodo dei lavori di ricostruzione del Lacus), di cui rimangono solo dei resti che sono attualmente conservati presso l'Antiquarium Forense; il posizionamento di tali statue era dovuto alla leggendaria apparizione dei gemelli presso la fonte presso la quale si sarebbero fermati per far abbeverare i cavalli mentre davano al popolo la notizia della vittoria romana presso il Lago Regillo contro i Latini (499 a.C.). Presso il bordo del bacino si trova il calco di un'ara di epoca traianea dove sono rappresentati in rilievo i due Dioscuri, Giove con Leda e Giuturna (la rappresentazione originale si trova presso l'Antiquarium Forense). Non molto lontano dal bacino si trova un insieme di piccoli monumenti anch'essi dedicati alla ninfa Giuturna: un'edicola probabilmente costruita in età traianea (quella che si può vedere è una ricostruzione con parti originali); un pozzo con doppia iscrizione di Marco Barbazio Pollione (edile curule ai tempi di Augusto) e infine i resti di un altare probabilmente di età severiana, dove sono presenti figure in rilievo che riproducono Turno e la sorella Giuturna (anche questo originale è situato presso l'Antiquarium Forense).

Schede correlate
Conoscere Roma: Clivo Capitolino
Roma (RM)
Conoscere Roma: Clivus Argentarium
Roma (RM)
Fori Imperiali
Roma (RM)
in giro per Roma: Foro Romano e Fori Imperiali
Roma (RM)
Conoscere Roma: Abitazione Privata
Roma (RM)
Conoscere Roma: Rostra Vandalica
Roma (RM)
Conoscere Roma: Rostri Imperiali
Roma (RM)
Conoscere Roma: Ara di Saturno
Roma (RM)
Conoscere Roma: Ficus, Olea, Vitis
Roma (RM)
Conoscere Roma: Lacus Curtius
Roma (RM)
Conoscere Roma: Aula in Opera Laterizia
Roma (RM)
Conoscere Roma: Horrea Agrippiana
Roma (RM)
Conoscere Roma: Santa Maria Antiqua
Roma (RM)
Conoscere Roma: Tempio di Vesta
Roma (RM)

Cerchi case?
Piu di 4.500.000 immobili!

GoHome.it immobili!

Roma antica: rovine del Foro Romano
Roma antica: rovine del Foro Romano

Comune di Roma


latina frosinone roma rieti viterbo
Sardegna Sicilia Calabria Basilicata Campania Puglia Molise Abruzzo Lazio Umbria Marche Toscana Emilia Romagna Liguria Friuli Venezia Giulia Veneto Trentino Alto Adige Lombardia Piemonte Valle d'Aosta



esecuzione in 0,265 sec.

Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK