Conoscere Roma: Foro di Augusto

Conoscere Roma: Foro di Augusto

visita al Velabro e Circo Massimo

Costruito dopo il Foro di Cesare (o Forum Iulium), il Foro di Augusto venne edificato a partire dal 23 a.C. su un'area (m 125 x 118) in precedenza occupata da abitazioni private acquistate con i guadagni delle guerre. Posto perpendicolarmente rispetto al Foro di Cesare dal quale si ispirava notevolmente, venne completato nel 2 a.C. e nell'arco dei secoli non subì rifacimenti a parte un piccolo restauro sotto Adriano. Il Foro di Augusto era formato da una grande piazza dove era situata una grande statua dell'imperatore su una quadriga; questa piazza, sui lati maggiori, era fiancheggiata da due portici colonnati nei quali si aprivano simmetricamente due grandi esedre. Sul fondo il Foro era chiuso da un imponente muraglione alto ben 30 metri con andamento irregolare (completamente conservato) formato da blocchi bugnati di peperino e pietra di Gabi in mezzo a fascioni di travertino, struttura destinata a separare il Foro dal quartiere della Suburra (dal latino Subura). Due ingressi secondari al Foro di Augusto erano situati su questo muraglione, uno formato da tre fornici dai quali parte una gradinata, l'altro invece era formato da un solo fornice e nel Medioevo era conosciuto come "Arco dei Pantani". In mezzo a questi due ingressi era situato il Tempio di Marte Ultore fiancheggiato da due Archi onorari fatti costruire dal Senato in onore dei principi Druso e Germanico (figlio e nipote di Tiberio). Oggi del Foro di Augusto è visibile soltanto il settore di fondo con gli avanzi dei portici dei lati lunghi elevati su tre gradini di marmo e con le colonne di marmo "cipollino" che reggevano un attico decorato con cariatidi alternate con grandi scudi marmorei recanti al centro teste di divinità. All'interno dei portici le due esedre, poste simmetricamente una di fronte all'altra e formate da blocchi di tufo e peperino insieme a parti di travertino, avevano al centro una nicchia (ciascuno) inquadrata da due colonne scanalate di "cipollino" e nicchie rettangolari alle pareti ornate da una incorniciatura marmorea tra semicolonne di "cipollino" con capitelli corinzi in marmo bianco sormontati da un architrave (anch'esso in marmo bianco). Al di sopra era situato un altro piano con nicchie più piccole. In fondo al portico nord-occidentale, è situata l'"Aula del Colosso", posizionata contro il muro perimetrale e con una coppia di colonne scanalate di "giallo antico" e capitelli corinzi in marmo bianco; si tratta di un grande ambiente quadrato, decorato con pannelli in marmo alle pareti e pavimenti in marmi policromi, e sul fondo un basamento dove era posizionata la statua di Augusto alta 14 metri e di cui rimane l'impronta del piede sinistro. Negli intercolumni dei portici erano situate numerose statue di bronzo dorato rappresentanti personaggi mitici di Roma (Enea, Romolo, ecc.) e i personaggi più illustri della Repubblica; ad ogni statua corrispondevano due iscrizioni: una (titulus) con il nome e le cariche del personaggio, l'altra (elogium) era un breve curriculum delle imprese compiute. Tra i due portici era posizionato il Tempio di Marte Ultore (vendicatore degli uccisori di Cesare), fatto costruire da Augusto nel 42 a.C. prima della battaglia di Filippi. Il tempio oggi si presenta con un'alta gradinata frontale al centro della quale è situato il nucleo interno dell'altare, mentre due fontane (di cui rimangono delle tracce) erano alle estremità. Il podio, costruito in blocchi di tufo, era in origine rivestito con marmo lunense; su di esso, il pronao che precedeva la cella aveva sulla fronte otto colonne scanalate con capitelli corinzi sempre di marmo lunense, alte 15 metri, mentre altre 8 colonne erano sui lati lunghi. Di queste colonne rimangono solamente le ultime 3 del lato sudorientale con il corrispondente mezzo pilastro terminale contro il muraglione di fondo e il relativo tratto di architrave sul fondo con soffitto a cassettoni. La cella, piuttosto larga e con un'enorme porta di accesso, era pavimentata con lastre di marmi policromi e decorate all'interno, sui lati maggiori, da una fila di sette colonne in corrispondenza di altrettante lesene alle pareti, e terminava con un'abside entro la quale erano posizionate le statue di culto su un'alta gradinata marmorea: le statue erano quelle di Marte (di cui rimane una copia nei Musei Capitolini), di Venere e probabilmente di Cesare. Attraverso un rilievo dell'epoca di Claudio conosciamo la decorazione frontonale del tempio che presentava Marte al centro, affiancato da Venere con Eros e dalla Fortuna, cui seguivano, a sinistra, Romolo nell'atto di scrutare il volo degli uccelli e la personificazione del Palatino, a destra la Dea Roma con la personificazione del Tevere.

Schede correlate
Roma: Appia antica
Roma (RM)
Conoscere Roma: Foro Boario Tempio di Portuno
Roma (RM)
Conoscere Roma: Velabro e Circo Massimo
Roma (RM)
Conoscere Roma: visita al Velabro e Circo Massimo
Roma (RM)
Conoscere Roma: visita al Velabro e Circo Massimo
Roma (RM)
Conoscere Roma: visita al Velabro e Circo Massimo
Roma (RM)
Conoscere Roma: visita al Velabro e Circo Massimo
Roma (RM)
Sant'Omobono
Roma (RM)
Fori Imperiali
Roma (RM)
Mercati Traianei al Velabro e Circo Massimo
Roma (RM)
Foro di Traiano
Roma (RM)
Velabro e Circo Massimo: la Colonna Traiana
Roma (RM)
Basilica Ulpia
Roma (RM)
Conoscere Roma: Foro di Cesare
Roma (RM)
Foro di Nerva
Roma (RM)
Conoscere Roma: Foro della Pace
Roma (RM)
in giro per Roma: Foro Romano e Fori Imperiali
Roma (RM)
Conoscere Roma: Ripa
Roma (RM)
Conoscere Roma: L'Arco di Tito
Roma (RM)
Conoscere Roma: Horrea Vespasiani
Roma (RM)
Conoscere Roma: Sacello di Bacco
Roma (RM)
Conoscere Roma: Casa delle Vestali
Roma (RM)
Conoscere Roma: Sepolcreto Arcaico
Roma (RM)
Conoscere Roma: Edicola
Roma (RM)
Conoscere Roma: Regia
Roma (RM)
Conoscere Roma: Grande Iscrizione Dedicatoria
Roma (RM)
Conoscere Roma: Basilica Fulvia Emilia
Roma (RM)
Conoscere Roma: Portico di Gaio e Lucio Cesari
Roma (RM)
Conoscere Roma: Tabernae Novae
Roma (RM)
Conoscere Roma: Rostra ad Divi Iulii
Roma (RM)
Conoscere Roma: Comizio
Roma (RM)
Conoscere Roma: Lapis Niger
Roma (RM)
Conoscere Roma: Base di Costanzo II
Roma (RM)
Conoscere Roma: Miliarium Aureum
Roma (RM)
Conoscere Roma: Tabularium
Roma (RM)
Conoscere Roma: Portico degli Dei Consenti
Roma (RM)
Conoscere Roma: Basilica Giulia
Roma (RM)
Conoscere Roma: Colonna di Foca
Roma (RM)
Conoscere Roma: Iscrizione di Naevius Sordinus
Roma (RM)
Conoscere Roma: Pozzetti
Roma (RM)
Conoscere Roma: Doliola
Roma (RM)
Conoscere Roma: Doliola Tardo Antichi
Roma (RM)
Conoscere Roma: Colonne Onorarie
Roma (RM)
Conoscere Roma: Tempio dei Castori
Roma (RM)
Conoscere Roma: Horrea Agrippiana
Roma (RM)
Conoscere Roma: Oratorio dei Quaranta Martiri
Roma (RM)
Esedra Colonnata
Roma (RM)
Domus Flavia
Roma (RM)
Casa di Augusto
Roma (RM)
Strutture, ambienti e costruzioni in laterizio
Roma (RM)
Mura Arcaiche e Scalae Caci
Roma (RM)

Cerchi case?
Piu di 4.500.000 immobili!

GoHome.it immobili!

Roma antica: Velabro e Circo Massimo
Roma antica: Velabro e Circo Massimo

Comune di Roma


latina frosinone roma rieti viterbo
Sardegna Sicilia Calabria Basilicata Campania Puglia Molise Abruzzo Lazio Umbria Marche Toscana Emilia Romagna Liguria Friuli Venezia Giulia Veneto Trentino Alto Adige Lombardia Piemonte Valle d'Aosta



esecuzione in 0,171 sec.

Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK