ciclismo piacentino - Polledri campione autentico

ciclismo piacentino - Polledri campione autentico

"Rondinella" per lo stile leggero ed efficace ha trionfato in Italia e all'estero

E' davvero singolare la storia di Amedeo Polledri, l'oriundo piacenti no che, negli anni precedenti la Prima Guerra Mondiale, fu uno dei migliori pistard dell'epoca. Piccolo di statura ed esile, in sella si muoveva con gesti rapidi e nervosi, tanto che i transalpini lo chiamarono "Hirondelle", rondine, perchè nel suo incedere a zig-zag ricordava il guizzante volatile.
Nato a Parigi il 19 febbraio 1890 da genitori originari di Groppallo, proprio nel paese valnurese il futuro campione frequentò i primi corsi delle scuole elementari, ma, dopo la prematura morte della madre, tornò col padre nella capitale francese. Adolescente, si avvicinò per caso al ciclismo e, con una bicicletta presa in prestito, partecipò al "Premio dei primi passi", un'importante manifestazione giovanile che si svolgeva al Parco dei Principi. Sorprendentemente, quell'italiano dal fisico gracile trionfò nell'affollata batteria e poi nella semifinale, mentre nella finale si piazzò secondo per pochi centimetri. Dopo l'arrivo, il direttore sportivo della casa ciclistica "Peugeot", Alibert, lo avvicinò e gli offrì un ingaggio nella sua squadra.
Pur di correre, Amedeo non esitò ad affrontare la dura opposizione del padre, abbandonando studi e lavoro. Si cimentò dapprima con i Dilettanti e nel 1909 debuttò fra i Professionisti. La svolta alla sua carriera la diede l'incredibile vittoria che riuscì ad ottenere sul grande Ellegaard, lo sprinter danese più volte campione del mondo, in una batteria del classico Gran Premio di Pasqua di Parigi. Ma, benchè avesse sempre mantenuto la cittadinanza italiana, Polledri in patria era ancora uno sconosciuto. Solo nel 1912 partecipò ai Campionati Italiani di Velocità e, a Mantova, conquistò subito la maglia tricolore, battendo nella finale Verri e Moretti: da allora, "Hirondelle" per gli italiani diventò "Rondinella". Nel 1913 difese senza fortuna il suo titolo a Faenza, dove dovette accontentarsi del terzo posto, ma l'anno dopo se ne riappropriò al Sempione di Milano, superando Verri e Gardellin.
Convinto a rimanere in Italia dallo scoppio del conflitto mondiale in Francia, la successiva entrata in guerra del nostro Paese lo portò però a vestire la divisa militare nel maggio del 1915.
Arruolato in aviazione, ottenne il brevetto di pilota e, in qualità di collaudatore ed istruttore, fu destinato a Taliedo, nei pressi di Milano. La vicinanza al capoluogo lombardo gli consentì anche di tornare a correre e vincere sulla pista del Sempione. Ma, il 6 ottobre 1918, egli trovò la morte, a soli ventotto anni, precipitando dal cielo con il suo aereo. Terminò così, in modo tragico e nello stesso tempo romantico, il breve volo terreno di "Rondinella", uno dei più grandi sportivi che la provincia di Piacenza abbia mai avuto.

Graziano Zilli

Schede correlate
Cambio della guardia alla guida dello sport
Piacenza (PC)
Piacenza Calcio: Il settore giovanile
Piacenza (PC)
Calcio piacentino: un Fiorenzuola che mira in alto
Fiorenzuola D'Arda (PC)
Calcio piacentino: Il calcio dilettantistico
Piacenza (PC)
Volley - Il Copra Berni ha tutto per vincere
Piacenza (PC)
Volley - Obiettivo scudetto?
Piacenza (PC)
Volley e altro - Intervista a Bruno Giglio
provincia di Piacenza
Volley - il Settore giovanile
provincia di Piacenza
Volley - Rebecchi Val Trebbia Rivergaro
provincia di Piacenza
Basket piacentino - Rossetti Market
Piacenza (PC)
Baseball piacentino - Una stagione sfortunata
Piacenza (PC)
Rugby piacentino - Banca Farnese Lyons
Piacenza (PC)
Rugby piacentino - il vento dell'autarchia
Piacenza (PC)
Sport piacentino - il nuoto è in continua crescita
Piacenza (PC)
Pallanuoto piacentino - Everest. . . Un gruppo di amici
Piacenza (PC)
Motonautica piacentina - una tradizione che continua
Piacenza (PC)
Vela piacentina - Giglio, l'industriale velista attraverso l'oceano
Piacenza (PC)
motori piacentini - Renato Travaglia campione d'Europa
Piacenza (PC)
motori piacentini - Settembrini rallysta campione
provincia di Piacenza
motori piacentini - Motoclub Trial Fornaroli
provincia di Piacenza
Piacenza e lo sci alpino
Piacenza (PC)
canottaggio piacentino - Una rincorsa durata dieci anni
Piacenza (PC)
ciclismo piacentino - luci ed ombre
Piacenza (PC)
ciclismo piacentino - Tutti in attesa del campus
Piacenza (PC)
pattinaggio piacentino - La Lepis una stagione di successi
provincia di Piacenza
Tennis piacentino - una disciplina in movimento
Piacenza (PC)

Cerchi case?
Piu di 4.500.000 immobili!

GoHome.it immobili!

Amedeo Polledri in una foto d'epoca
Amedeo Polledri in una foto d'epoca

Comune di Piacenza


rimini forli ravenna ferrara bologna modena reggio emilia parma piacenza
Sardegna Sicilia Calabria Basilicata Campania Puglia Molise Abruzzo Lazio Umbria Marche Toscana Emilia Romagna Liguria Friuli Venezia Giulia Veneto Trentino Alto Adige Lombardia Piemonte Valle d'Aosta



esecuzione in 0,125 sec.

Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK