Chiesa e convento di Sant'Egidio

Chiesa e convento di Sant'Egidio

ristrutturata nel '500 su progetto di Bernardo Buontalenti

L'origine della chiesa e del convento di S. Egidio non è nota ma le tracce più antiche rimaste ci fanno pensare ad uno dei tanti complessi romanici extra urbani. Dal 1312 l'edificio fa parte dell’Ospedale di Santa Maria Nuova, fondato nel 1285 da Folco Portinari. Da quel momento in poi la chiesa ha visto la sua sorte legato a quella dei più famoso nosocomio fiorentino. S. Egidio subì una prima ristrutturazione intorno al 1420 sotto lo spedalingo Benedetto da Montebello. La chiesa venne ampliata e l'interno ebbe una nuova decorazione pittorica. Del S. Egidio quattrocentesco, documentato da un affresco di Bicci di Lorenzo (1373- 1452) con la consacrazione di S. Egidio, oggi all'interno dell'ospedale, non rimangono che poche tracce. É andato purtroppo perso il pregevole ciclo di affreschi che ornava l'interno della chiesa a cui lavorarono artisti come Alessio Baldovinetti (1425-1499), Andrea dei Castagno (1423-1457) e Domenico Veneziano (1400- 1457). Sull'altar maggiore venne inizialmente posta l'Adorazione dei Magi di Lorenzo Monaco, sostituita poi dal trittico di Portinari con l'Adorazione dei Magi di Ugo Van der Goes (1440-1482) oggi alla Galleria degli Uffizi. L'aspetto attuale della chiesa è frutto di una ristrutturazione cinquecentesca, attribuita ad un progetto di Bernardo Buontalenti (1528-1608) ed eseguita da Giulio Parigi nel 1611. Gli affreschi quattrocenteschi che decoravano le pareti vennero coperti da quattro altari classici in pietra serena (due per parte). Allo stesso periodo appartiene la scalci davanti all'altar maggiore che in parte si deve al Buontalenti. Più tarda è la balaustra barocca che si lega stilisticamente con l'altare in commesso di pietre dure, opera di G. B. Balatri su disegno di S. Pieratti (attivo nel sec. XVII). Di fronte alla scalinata lastre tombali della famiglia Portinari. La chiesa presenta una sola navata; appoggiati alle pareti quattro altari in pietra serena. La decorazione pittorica del soffitto è frutto della collaborazione fra Giuseppe Tonelli che si occupò delle architetture e di Matteo Bonechi che aggiunse le figure. (Prima metà dei sec. XVIII). Significativa è la balaustra barocca ad opera di G. B. Balatri.

Via Sant’Egidio
tel. 055 289893
ingresso: ore 8.00 - 12.00, 16.00 - 18.00
biglietto: Ingresso gratuito

Schede correlate
Sacro Cuore
Firenze (FI)
Chiesa di San Giovanni Battista
Firenze (FI)
Chiesa di San Giuseppe
Firenze (FI)
Chiesa di S. Giovanni Battista
Campi Bisenzio (FI)
Chiesa di S. Maria del Carmine
Firenze (FI)
Chiesa Santa Maria Maggiore
Firenze (FI)

Cerchi case?
Piu di 4.500.000 immobili!

GoHome.it immobili!

Comune di Firenze


pisa livorno grosseto siena arezzo firenze prato pistoia lucca massa
Sardegna Sicilia Calabria Basilicata Campania Puglia Molise Abruzzo Lazio Umbria Marche Toscana Emilia Romagna Liguria Friuli Venezia Giulia Veneto Trentino Alto Adige Lombardia Piemonte Valle d'Aosta



esecuzione in 0,125 sec.

Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK