Chiesa di Santa Maria a Mesagne

Chiesa di Santa Maria a Mesagne

tra i più classici esempi del barocco salentino

A pochi passi soltanto da dove, nell’Ottocento, era la Porta Piccola della città, appena fuori, dunque, dal centro storico, ecco la chiesa di Santa Maria in Betlem, ad unica navata, tra i più classici esempi del barocco salentino, autentico ricamo d’arte, la cui facciata, nelle nicchie laterali del primo ordine, datato 1662, reca le statue di San Pietro Celestino a sinistra, e di San Benedetto a destra. Al centro, sul portale, la statua della Vergine. La facciata, costituisce l’esaltazione dell’ordine benedettino: ecco perché, nel secondo ordine troviamo raffigurati, tra gli altri, Santa Scolastica e Santa Geltrude, tra ulteriori motivi ornamentali ed elementi araldici.
Coerentemente con l’esterno, questa chiesa, servita fino al 1807 dai Padri Celestini, che avevano adiacente il loro monastero, tra i più sontuosi della Provincia, è l’esaltazione del barocco: tutti i suoi altari lo dimostrano ampiamente, sia nella struttura architettonica sia nelle abbondanti decorazioni. Ricostruita nel 1738 dall’abate don Gregorio Archione di Lecce, utilizzando l’area di un più antico edificio sacro del 1528, la chiesa conserva, dell’originario luogo, l’immagine medievale della Madonna che, dopo la peste del 1528, fu venerata come S. Maria della Sanità.
Scrigno di architettura, dunque, ma anche di pittura. Basti ricordare la Natività di Gesù, opera collocata sul transetto, la navata trasversale che costituisce il braccio più corto della chiesa, e che un’antica tradizione scritta attribuisce a Luca Giordano, mentre di recente, e più coerentemente, è stata ascritta ai pennelli di Andrea Ginnico , pittore di Terlizzi, vicino Bari. Del pittore mesagnese Luca Paciolla, molto noto negli ambienti benedettini del Settecento, dovrebbero essere invece L’Addolorata e i santi Maddalena e Giovanni Evangelista, sul battistero; San Pier Celestino e San Benedetto da Norcia, sulla parete sinistra prima del transetto; l’Adorazione dei Magi, del lato sinistro del transetto; San Bartolomeo che prega la Madonna col Bambino, tra il primo ed il secondo altare.

da www.comune.mesagne.br.it

Schede correlate
Mesagne nella storia
Mesagne (BR)
Il centro storico di Mesagne
Mesagne (BR)
Chiesa Madre di Mesagne
Mesagne (BR)
Chiesa di San Cosimo di Mesagne
Mesagne (BR)
Chiesa SS. Medici Cosimo e Damiano di Mesagne
Mesagne (BR)
Chiesa di S. Anna di Mesagne
Mesagne (BR)
Tempietto di San Lorenzo a Mesagne
Mesagne (BR)
Chiesa SS. Annunziata ed ex convento dei Domenicani a Mesagne
Mesagne (BR)
Chiesa dell’Immacolata a Mesagne
Mesagne (BR)
Santuario del Carmine a Mesagne
Mesagne (BR)
Chiesa di Santa Maria di Loreto di Mesagne
Mesagne (BR)
Chiesetta della Misericordia di Mesagne
Mesagne (BR)
Chiesa di Mater Domini a Mesagne
Mesagne (BR)
Chiesetta di Santa Maria di Stigliano a Mesagne
Mesagne (BR)
Chiesa matrice di Mesagne
Mesagne (BR)

Cerchi case?
Piu di 4.500.000 immobili!

GoHome.it immobili!

Comune di Mesagne


taranto lecce brindisi bari foggia
Sardegna Sicilia Calabria Basilicata Campania Puglia Molise Abruzzo Lazio Umbria Marche Toscana Emilia Romagna Liguria Friuli Venezia Giulia Veneto Trentino Alto Adige Lombardia Piemonte Valle d'Aosta



esecuzione in 0,093 sec.

Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK