chiesa di Sant'Eufemia

chiesa di Sant'Eufemia

nell'omonima via del centro storico cittadino

Come ricorda una lapide murata presso la sagrestia, il13 aprile 1091 vennero scoperte presso una piccola chiesa poco distante le spoglie di S. Eufemia. Il ritrovamento costituì il movente per la fondazione del nuovo tempio, consacrato nel 1108 dal vescovo Aldo Gabrieli da Gubbio che lo elesse a luogo della propria sepoltura.
Al primitivo schema basilicale con portico antistante limitato alla parte inferiore della facciata, si aggiunse nel XIII secolo il pronao elevato alla altezza dell'intero fronte. Il complesso, destinato in origine ai Canonici Regolari, passò nel 1491 ai Padri Agostiniani e da questi ai Canonici Regolari di S. Salvatore che lo mantennero sino alla soppressione napoleonica (1805). Nel 1898 l'architetto C. Guidotti diede il via ad una serie di operazioni tese ad eliminare tutte le parti aggiunte nel corso dei secoli e non pertinenti alle ipotizzate originarie strutture romaniche. Vennero così demolite tutte le cappelle laterali, ad eccezione di due, erette tra Cinque e Seicento e soprattutto ridisegnata parzialmente la facciata, che era stata manomessa nel 1757.
Ne è risultato un fronte a capanna con grande rosone centrale, dove sono abbinati in maniera un pò eclettica agli originari pilastri romanici, adorni di meravigliosi capitelli figurati posti ai fianchi dei tre fornici di apertura, i rifacimenti in stile goticheggiante dei pinnacoli e motivi ad archetti ciechi intrecciati. Anche la torre campanaria, abbattuta nel 1836 a causa di dissesti statici, venne ricostruita con sagome neogotiche. L 'interno basilicale è a tre navate, divise da pilastri cruciformi con tre absidi e altari lungo le navatelle. Degna di nota è la seconda cappella a destra, dedicata a S. Agostino, edificata intorno al 1595 e decorata con pregevoli stucchi di origine manierista. Proseguendo, nella IV cappella si segnala l'unico dipinto su tavola che si conosca del milanese Cesare Cesariano (1483-1543), pittore, architetto, trattatista, noto principalmente per la sua edizione (1521) dell'opera di Vitruvio e sicuramente in Piacenza intorno al 1512, poco dopo essere intervenuto (1508) nella sacrestia del complesso benedettino di S. Giovanni Evangelista di Parma. La tavola raffigura la Vergine seduta su un alto podio attorniata dai santi Sostene, Vittore, Eufemia e Agnese, posti al di qua di una struttura porticata collocata prospetticamente.
In fondo alla navata destra, sulla parete rimangono lacerti di affreschi del XV secolo non privi di interesse.
Gli interventi seguiti al ripristino del Guidotti sono invece leggibili nelle pitture murali dell'abside mediana, eseguite dai piacentini Pacifico e Nazareno Sidoli, nelle vetrate realizzate dal romano Eugenio Cisterna e nei ferri battuti lavorati da Giovanni Raietta.
Sul lato destro della chiesa è collocata la canonica i cui ambienti cinquecenteschi sono stati restituiti da recenti interventi di restauro.

Schede correlate
Chiesa di San Cristoforo (o Oratorio della Morte)
Piacenza (PC)
Chiesa di San Pietro
Piacenza (PC)
chiesa di San Vincenzo
Piacenza (PC)
chiesa di Sant'Antonino
Piacenza (PC)
chiesa di Santa Maria in Cortina
Piacenza (PC)
convento di Sant’Agostino
Piacenza (PC)
Chiesa dei Cappuccini
Piacenza (PC)
Chiesa di San Francesco
Piacenza (PC)
Chiesa di Santa Brigida
Piacenza (PC)
Chiesa di Sant’Ilario
Piacenza (PC)
Chiesa di San Giovanni in Canale
Piacenza (PC)
Chiesa in San Sepolcro
Piacenza (PC)
Chiesa di Santa Maria di Campagna
Piacenza (PC)
chiesa di San Sisto
Piacenza (PC)
Chiesa di San Savino
Piacenza (PC)

Cerchi case?
Piu di 4.500.000 immobili!

GoHome.it immobili!

chiesa di Sant'Eufemia a Piacenza
chiesa di Sant'Eufemia a Piacenza
Piacenza: facciata della chiesa di Sant'Eufemia
Piacenza: facciata della chiesa di Sant'Eufemia

Comune di Piacenza


rimini forli ravenna ferrara bologna modena reggio emilia parma piacenza
Sardegna Sicilia Calabria Basilicata Campania Puglia Molise Abruzzo Lazio Umbria Marche Toscana Emilia Romagna Liguria Friuli Venezia Giulia Veneto Trentino Alto Adige Lombardia Piemonte Valle d'Aosta



esecuzione in 0,062 sec.

Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK