Chiesa di Mater Domini a Mesagne

Chiesa di Mater Domini a Mesagne

da visitare nei pressi anche il Calvario e la chiesa del SS. Crocifisso

Da piazza Garibaldi, percorrendo, via Falcone, prima e via Materdona poi, si giunge al Santuario di Mater Domini. Strada facendo, conviene fermarsi due volte. Bisogna sostare un attimo e guardare in alto quando si è all’altezza del civico 32: una lapide conservata non in perfette condizioni, reca incisi i versi che il poeta mesagnese Gianfrancesco Maya Materdona dedicò a Mattarella, la sua cagnetta morta a Mesagne nel 1633: essi costituiscono un prezioso contributo per conoscere quale fosse la sensibilità propria di questo autore mesagnese, seguace del più noto Giambattista Marino.
Poco oltre, è necessaria un’altra breve sosta nei pressi del Calvario e dell’attigua chiesa del Ss. Crocifisso. Il primo fu collocato nell’attuale posizione nel 1888: precedentemente era ubicato nei pressi della villa comunale. Esso reca le immagini della passione dipinte dal mesagnese Egidio Ribezzi, mentre la statua di Gesù morto, in pietra leccese, è opera dello scultore salentino, Luigi Guacci.

Accanto al Calvario c’è la chiesa del Ss. Crocifisso, le cui origini sono secentesche. Essa era dedicata a San Cataldo e di notevole conserva alcuni dipinti del mesagnese Domenico Pinca, nonché le statue processionali in cartapesta leccese, che raffigurano i misteri dolorosi e del rosario e che, proprio partendo da questa chiesa, vengono portati in processione la sera del Venerdì santo per le vie della città.
Al termine di via Materdona ecco il Santuario di Mater Domini, unica chiesa con pianta a croce greca, cioè con i bracci di eguale lunghezza, e coperta da cupola. La chiesa fu eretta nel 1605 a seguito di un evento miracoloso e sorse lì dove fu trovato un affresco della vergine che fu collocato sull’altare maggiore.
Santuario mariano tra i più noti della zona, in Santa Maria Mater Domini si conservano, oltre a questo affresco della vergine, risalente al XIII secolo, anche alcune tele attribuite a Gian Pietro Zullo, pittore mesagnese che oltre a ritoccare l’affresco in questione, probabilmente realizzò anche l’incredulità di San Tommaso, che un tempo lo circondava.

da www.comune.mesagne.br.it

Schede correlate
Mesagne nella storia
Mesagne (BR)
Il centro storico di Mesagne
Mesagne (BR)
Chiesa Madre di Mesagne
Mesagne (BR)
Chiesa di San Cosimo di Mesagne
Mesagne (BR)
Chiesa SS. Medici Cosimo e Damiano di Mesagne
Mesagne (BR)
Chiesa di S. Anna di Mesagne
Mesagne (BR)
Tempietto di San Lorenzo a Mesagne
Mesagne (BR)
Chiesa SS. Annunziata ed ex convento dei Domenicani a Mesagne
Mesagne (BR)
Chiesa dell’Immacolata a Mesagne
Mesagne (BR)
Santuario del Carmine a Mesagne
Mesagne (BR)
Chiesa di Santa Maria a Mesagne
Mesagne (BR)
Chiesa di Santa Maria di Loreto di Mesagne
Mesagne (BR)
Chiesetta della Misericordia di Mesagne
Mesagne (BR)
Chiesetta di Santa Maria di Stigliano a Mesagne
Mesagne (BR)
Chiesa matrice di Mesagne
Mesagne (BR)

Cerchi case?
Piu di 4.500.000 immobili!

GoHome.it immobili!

Comune di Mesagne


taranto lecce brindisi bari foggia
Sardegna Sicilia Calabria Basilicata Campania Puglia Molise Abruzzo Lazio Umbria Marche Toscana Emilia Romagna Liguria Friuli Venezia Giulia Veneto Trentino Alto Adige Lombardia Piemonte Valle d'Aosta



esecuzione in 0,109 sec.

Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK