Centri della provincia piacentina: Rottofreno

Centri della provincia piacentina: Rottofreno

nel suo territorio S. Nicolò a Trebbia

Km. da Piacenza 12
Altitudine 65
C.a.p. 29010
Guardia Medica (San Nicolò a Trebbia) tel. 0523.39509
Municipio tel. 0523.58136
Carabinieri: (San Nicolò a Trebbia) tel. 0523.39180

Sono poche le documentazioni riguardo le sue origini, ma di certo esisteva qui un castello nell’epoca medioevale la quale struttura venne potenziata nel periodo delle signorie. Nel 1412 fu feudo dei Visconti, in seguito di Filippo e Bartolomeo Arcelli. Nel XVII secolo il Duca Odoardo Farnese dichiara guerra alla Spagna, ma ne ha la peggio e le truppe spagnole si impadroniscono della fortezza apportandovi notevoli migliorie per poter far fronte alla reazione degli avversari. Nel XVIII secolo termina il ruolo militare del borgo che era stato in precedenza della famiglia Maino ed era poi passato alla Camera Ducale Farnesiana. La derivazione del toponimo è alquanto curiosa derivando, pare, dalla rottura del morso, detto anche freno, del cavallo di Annibale riportato in questa zona; altre ipotesi sosterrebbero che Rottofreno avrebbe origine germanica da Rothfrid, cioé amante della gloria. Da visitare il castello, ormai poco riconoscibile, fu ristrutturato nel XV secolo e nel XVII secolo dagli spagnoli, che adottarono una pianta stellare a otto punte. Inoltre il borgo presenta la Chiesa di San Michele Arcangelo, già esistente nel secolo XII e rifatta completamente intorno alla metà del nostro secolo a cura degli architetti Giuseppe Manfredi e Pietro Berzolla. Internamente è arricchita da affreschi di Luciano Ricchetti, protagonista della pittura piacentina tra gli anni Trenta e Cinquanta. Nei dintorni la frazione di Santimento con il suo bel castello, con una torre che reca ancora gli incastri del ponte levatoio, e la parrocchiale del XIII secolo; poi Centora dove un tempo esisteva una casa degli Olivetani che dipendeva dal grandioso complesso monastico di S. Sepolcro di Piacenza. Questa piccola località conserva nella Cappelletta della chiesa parrocchiale affreschi del XV secolo che raffigurano la Natività e figure di santi. E ancora le frazioni di S. Nicolò a Trebbia a tre chilometri da Piacenza e Certosa.

Schede correlate
Itinerari naturalistici nella piana piacentina
provincia di Piacenza
La Val Trebbia
provincia di Piacenza
Lungo la via Emilia Pavese: Rottofreno
Rottofreno (PC)
Valli piacentine: Val Luretta
provincia di Piacenza
La Val Tidone
Borgonovo Val Tidone (PC)
La Val Nure
provincia di Piacenza
Valli piacentine: Val Chero
provincia di Piacenza

Cerchi case?
Piu di 4.500.000 immobili!

GoHome.it immobili!

municipio di Rottofreno
municipio di Rottofreno
chiesa parrocchiale di Rottofreno
chiesa parrocchiale di Rottofreno
traffico sulla via Emilia Pavese a Rottofreno
traffico sulla via Emilia Pavese a Rottofreno

Comune di Rottofreno


rimini forli ravenna ferrara bologna modena reggio emilia parma piacenza
Sardegna Sicilia Calabria Basilicata Campania Puglia Molise Abruzzo Lazio Umbria Marche Toscana Emilia Romagna Liguria Friuli Venezia Giulia Veneto Trentino Alto Adige Lombardia Piemonte Valle d'Aosta

categorie schede turistiche
a Rottofreno


Attrazioni
Vissi di Viaggio


esecuzione in 0,328 sec.

Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK