Ceglie Messapica, terra di transumanza

Ceglie Messapica, terra di transumanza

gastronomia e tradizione contadina

Al confine tra la Valle d'Itria e il Salento, Ceglie Messapica deve anche alla sua strategica posizione geografica il poter vantare così lontane nel tempo le proprie tradizioni gastronomiche.
Terra di transumanza, secoli fa nacquero a decine i punti di ristoro per i passanti nell'allora paesino fortificato arroccato su queste colline; con il passare del tempo, questo tipo di attività divenne ad uso degli stessi abitanti e di quello delle terre vicine: nacquero quelle che fino a pochi decenni fa erano chiamate "cantine": riservate agli uomini che vi trascorrevano buona parte della giornata, tra bicchieri di vino e pietanze non certo di raffinata fattura. Inizialmente, si trattava di carni arrostite sulle braci; con il tempo, incominciarono ad affiancarsi altre proposte, dalle zuppe calde ai primi piatti.

Arrivando ad oggi, vastissimo è il repertorio di ricette che nella nostra cucina fanno capo alla tradizione: ancora oggi gli ortaggi, i legumi e le verdure sono i protagonisti indiscussi delle nostre preparazioni (zucchine e fiori delle stesse, melanzane, verze, cavolfiori, pomodori freschi o secchi, ceci, "cicerchie", fave fresche e secche, piselli, cicorie, verdure selvatiche, etc.), affiancati dalle paste "fatte a mano" (famose le orecchiette di farina bianca o nera, altrettanto saporite le "sagne pende", i cavatelli, i maccheroncini fatti col ferretto quadro e tante altre).
Così per le carni. Ancora oggi è possibile assaporare carni di origine locale straordinariamente saporite nella loro semplicità.
Ed anche in questo comparto la varietà di prodotti e di ricette è quasi impressionante: carni arrostite, bollite, fritte, cotte al sugo.

Perfino la pasticceria non risente di altre influenze se non quelle del territorio, della tradizione contadina. Anche qui troviamo una regina: è la mandorla che, intera, macinata o a pezzettini trova posto in quasi tutte le nostre preparazioni; si spazia dai biscottini tradizionali cegliesi finemente insaporiti di marmellata o nella variante ricoperti di zucchero e cacao, alla pasta reale delicata e saporosa, decorata con zucchero colorato, fino alle mandorle intere e ricoperte di zucchero (carnevale).
Famosissimi inoltre i fichi seccati al sole e poi cotti al forno farciti di mandorle e scorzette di limone (fichi "ottati").
Oltre a ciò le "chiacchere" fritte e cosparse di zucchero velo, il tipico dolce cegliese fatto di pan di spagna, ripieno di crema al limone e ricoperto di zucchero fuso (giulebbe).

da www.ceglie.org

Schede correlate
Ceglie Messapica: cenni storici
Ceglie Messapica (BR)
Il Salento
provincia di Lecce
Ceglie Messapica - Piazza Vecchia
Ceglie Messapica (BR)
Il Salento: appunti di geografia e storia
provincia di Lecce
Ceglie Messapica - Palazzo Allegretti
Ceglie Messapica (BR)
Il Salento e la sua gastronomia
provincia di Lecce
Ceglie Messapica - Palazzo Vitale
Ceglie Messapica (BR)
Il Salento e l'artigianato
provincia di Lecce
Galleria e Pinacoteca di Ceglie Messapica
Ceglie Messapica (BR)
Il Salento e l'agricoltura
provincia di Lecce
Il Salento: folklore e riti
provincia di Lecce
Itinerari nel Salento
provincia di Lecce
Chiese a Gallipoli
Gallipoli (LE)
Castro e la Marina
Castro (LE)
Festa di S. Donato a Montesano Salentino
Montesano Salentino (LE)
Festa di S. Rocco
Ruffano (LE)
Cultura e tradizioni a Salento
Salento (SA)

Comune di Ceglie Messapica


taranto lecce brindisi bari foggia
Sardegna Sicilia Calabria Basilicata Campania Puglia Molise Abruzzo Lazio Umbria Marche Toscana Emilia Romagna Liguria Friuli Venezia Giulia Veneto Trentino Alto Adige Lombardia Piemonte Valle d'Aosta

categorie schede turistiche
a Ceglie Messapica


Arte e cultura
Attrazioni


esecuzione in 0,101 sec.

Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK